mercoledì 20 settembre 2017

Ubik Vico Equense, in ricordo di Bice Foà. “Donna, ebrea e comunista”, domani la presentazione

Bice Foà
Vico Equense - Domani, 21 settembre 2017, ore 18.00, alla libreria Ubik di Vico Equense presentazione del libro “Donna, ebrea e comunista” di Bice Foà, scomparsa lo scorso mese di aprile. Interverranno Anna Maria Carloni, deputato del PD, Aldo Cennamo, ex parlamentare del PCI e Letizia Paolozzi, giornalista. Modera Pina Gambardella. Bice Foà Chiaromonte ricostruisce la storia della sua famiglia, che si intreccia a quella dei Sereni, dei Tagliacozzo e dei Pontecorvo e tutta la sua vita: la shoah e la guerra, la Liberazione, la militanza comunista. Mentre sfilano, davanti a noi personaggi che hanno fatto la Storia d’Italia: da Eduardo De Filippo a Palmiro Togliatti, da Ludovico Quaroni a Giorgio Amendola, da Rocco Scotellaro a Giorgio Napolitano. Storia, aneddoti, episodi inediti fanno da sfondo alla narrazione della vita della protagonista e di suo marito, Gerardo Chiaromonte, esponente della corrente migliorista del PCI napoletano.

Vico Equense. Via Raffaele Bosco, divieto di transito per gli autocarri

Via Raffaele Bosco
Vico Equense - Fino al 10 giugno 2018 è in vigore lungo tutta la Raffaele Bosco, dalle 7.15 alle ore 8.30, il divieto di circolazione per gli autocarri con portata superiore a 35 quintali, con esclusione della domenica e dei festivi infrasettimanali. L’arteria ogni giorno è percorsa da centinaia di veicoli, compresi automezzi pesanti, i quali, a causa della ristrettezza della carreggiata incontrano serie difficoltà in fase d’incrocio con altri automezzi di grosse dimensioni, tanto che in alcuni casi la circolazione si blocca, così come è capitato alcuni giorni fa. Agevolare il deflusso del traffico, su questa strada, è sempre stato un problema. Strisce pedonali ingombre, parcheggi selvaggi, soste davanti ai negozi, ecc. sono solo alcuni dei disagi creati dai tanti automobilisti indisciplinati che si aggirano per il Comune. Al Comando della polizia municipale giungono quotidianamente le rimostranze di cittadini inferociti, specie durante le prime ore del mattino. Infatti, i ritardi accumulati da parte degli autobus di linea, a causa dei rallentamenti della circolazione, fanno saltare le coincidenze con il servizio ferroviario per studenti e lavoratori. L’Amministrazione del Sindaco Andrea Buonocore ha deciso di correre ai ripari, chiedendo al comandante dei vigili urbani Ferdinando De Martino di adottare il provvedimento a tutela di chi utilizza i mezzi pubblici, in particolare nelle prime ore del mattino.

Seiano “Sireneo d’Aequa”, stop del Tar alla demolizione

Vico Equense - Il Tar della Campania ha accolto il ricorso del consigliere regionale di Forza Italia, Flora Beneduce, e di suo marito Armando De Rosa, proprietari del resort “Il Sireneo d’Aequa” alla marina di Seiano, contro l’ordinanza di demolizione emessa dal Comune di Vico Equense nel gennaio del 2015. L’allora responsabile firmò il provvedimento con la motivazione che c’erano delle difformità nello stato dei luoghi, rispetto a quanto dichiarato per ottenere il condono edilizio, quindi due corpi di fabbrica della struttura destinata ad attività turistica, dovevano essere abbattuti. Ieri mattina i giudici amministrativi hanno ribaltato il tutto, annullando l’ordinanza di demolizione. Stesso esito per un accertamento tecnico della polizia provinciale di Napoli e per il procedimento amministrativo avviato dal Comune. Per il Tar i due immobili risultano chiusi proprio come veniva precisato dalla sanatoria datata 2005. E dunque, per gli stessi magistrati amministrativi, non ci sono difformità rispetto a ciò che veniva sancito con quel condono.

Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer Leo Gullotta racconta la malattia in “Lettere a mia figlia”

Giuseppe Nuzzo e leo Gullotta
In occasione della Giornata Mondiale per la lotta contro l’Alzheimer, il 21 settembre, Studio Universal (Mediaset Premium DT) presenta con Paradise Pictures, il pluripremiato cortometraggio “Lettere a mia figlia” di Giuseppe Alessio Nuzzo, interpretato da Leo Gullotta nei panni di un anziano padre che scrive delle lettere alla figlia nel tentativo di spiegare la sua malattia. Il corto sarà in onda, sul Canale del grande cinema americano classico il 21 Settembre alle 15.15 all’interno del magazine A Noi Piace Corto. «Un corto che serve a far entrare chi guarda in questa piccola storia di una malattia terribile, l'Alzheimer» così Leo Gullotta, protagonista del film breve “Lettere a mia figlia”, finalista in centinaia di festival in tutto il mondo e vincitore di decine di premi tra cui la menzione speciale ai Nastri d'Argento e il premio come migliore cortometraggio al Giffoni Film Festival. Girato in Campania tra Napoli e provincia e prodotto da Paradise Pictures con Pulcinella Film, vede la regia di Giuseppe Alessio Nuzzo, che lo scorso Aprile ha esordito con il suo primo lungometraggio “Le verità” con Francesco Montanari, Nicoletta Romanoff, Anna Safroncik e la partecipazione di Maria Grazia Cucinotta.
 

La Capitaneria sequestra 3 tonnellate di frutti di mare

Guglielmo Cassone
Castellammare di Stabia - Gli uomini della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia, coordinati dal Capitano di Fregata Guglielmo Cassone, nell’ambito dell’intensa attività di vigilanza posta in essere per tutelare la sicurezza della navigazione e la legalità, per quel che concerne la filiera della pesca, la commerciabilità e la somministrazione al pubblico, hanno recuperato, nei fondali antistanti l’area portuale di Castellammare di Stabia circa 3000 chilogrammi di mitili provenienti da coltura illecita per omessi controlli sanitari. Tale operazione ha visto oltre l’intervento dei dipendenti mezzi navali anche del nucleo subacquei della Guardia Costiera e di personale della ASL di Sorrento. “Tale sequestro – spiega il comandante Cassone – ribadisce il costante impegno rivolto alla pesca illegale, a tutela della salute dei cittadini. È utile ribadire in questi casi che anche i consumatori devono porre massima attenzione al momento dell’acquisto di questi prodotti, diffidando da venditori improvvisati che, con ogni probabilità, possono risultare i principali responsabili della messa in commercio di alimenti dannosi come quelli che oggi la Guardia Costiera ha posto sotto sequestro”.

Accordo tra Stato e boss mafiosi: “Oltre la trattativa” a Meta

Meta - Per venticinque anni, il giornalismo d’inchiesta e la pubblicistica hanno indirizzato il racconto in un’unica direzione. Ma, da qualche tempo, emergono crepe e crepacci nella narrazione e nel circuito mediatico-giudiziario che vuole accreditare, al di là delle risultanze logiche e indiziarie, l’ipotesi (ardita) di un accordo tra apparati dello Stato (i carabinieri del Ros ed esponenti politici) e i boss mafiosi di Cosa nostra. Un libro coraggioso concorre a ribaltare questa visione. Si chiama Oltre la trattativa ed è stato scritto da Vincenzo Zurlo, sottoufficiale dei carabinieri, laureato in giurisprudenza e specializzatosi in criminologia forense, per i tipi della Iuppiter. Il testo sarà presentato venerdì 22 settembre alle ore 18.30 nell’ambito della rassegna letteraria LibriAmo, a cura dell’associazione culturale Sfumature in Equilibrio, patrocinato del Comune di Meta e promosso dall’assessore alla cultura Biancamaria Balzano, presso la sede di via Tommaso Astarita 50, a Meta di Sorrento. Momenti espressivi affidati alla cura del M° Luisa Esposito.

Sorrento, bufera sulla pubblicità di Federalberghi: «Sessista e vergognosa»


Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Sorrento - «È una pubblicità vergognosa che sembra propagandare un turismo sessuale, grave ancora di più in un periodo in cui c’è una preoccupante escalation di violenze sulle donne»: così i Verdi commentano la foto che campeggia sul catalogo delle strutture ricettive della penisola sorrentina diffuso dalla sezione locale di Federalberghi in occasione di fiere e manifestazioni dedicate al turismo. L'immagine ritrae una giovane donna, in abito cortissimo e aderente, mentre cammina con la valigia in mano lasciando ben poco spazio all'immaginazione. Secondo Fiorella Zabatta, co-portavoce dell'esecutivo nazionale dei Verdi, e Marilena Schiano Lo Moriello e Benedetta Sciannimanica, membri del coordinamento delle donne Verdi della Campania, «sarebbe opportuno porre un freno a queste pubblicità squallide in cui le donne sono viste sempre e solo come un oggetto e usate come tale senza alcun riferimento al prodotto o al servizio che si vuole promuovere».

Vico Equense, Leonardo ringrazia


Natale a Vico Equense, invito per manifestazione di interesse

Piazza Mercato
Possono partecipare le aggregazioni territoriali senza scopo di lucro. Le domande devono essere inoltrate entro il 15 ottobre 

Vico Equense - Al via una manifestazione di interesse per presentare proposte da inserire nel calendario cittadino del Natale, il fine è di mettere a sistema in un'unica programmazione eventi, iniziative, spettacoli, percorsi turistici da realizzarsi a Vico Equense tra l'8 dicembre 2017 e il 7 gennaio 2018. Il sindaco Andrea Buonocore e l’Assessore al turismo Lucia Vanacore, hanno invitato le aggregazioni territoriali senza scopo di lucro del territorio (associazioni/fondazioni, parrocchie/oratori, cooperative ecc.) a presentare le loro proposte. L’ intenzione è di regolamentare in tempo le attività natalizie, vivacizzando la città e coinvolgendo il pubblico, in particolare i giovani, attraverso la valorizzazione e il recupero delle tradizioni locali. L'amministrazione comunale garantirà il patrocinio dell’Ente alle proposte meritevoli, oltre all’eventuale contributo sotto forma di promozione, utilizzo di spazi comunali e partecipazione alle spese. “Un modo più razionale per offrire alla città un calendario di eventi organico e diversificato”, commenta l’Assessore al turismo Lucia Vanacore. Gli interessati, dovranno indirizzare le loro proposte al responsabile dei servizi turismo e cultura della Città di Vico Equense e consegnate, entro e non oltre il 15 ottobre 2017 all’Ufficio protocollo del Comune in Piazza Mercato o spedite via mail all'indirizzo protocollo@pec.vicoequense.gov.it

Trasporto scolastico disabili, intervista all'assessore Franco Lombardi

Franco Lombardi
Vico Equense - Il trasporto scolastico e l’assistenza specialistica, degli alunni con disabilità che frequentano le scuole secondarie di secondo grado, sono servizi che devono essere garantiti dalla Regione Campania, che poi li eroga attraverso il piano sociale di zona. La regione, quest’anno, ha assegnato al Comune di Vico Equense la somma di 19mila euro per il trasporto, stessa cifra per l’assistenza. “Soldi che saranno girati direttamente al piano sociale, che deve assicurare questi servizi, così come stabilito dalla Regione”, ci spiega Franco Lombardi, assessore alle politiche sociali. Ad agosto per evitare che si rallentasse l'avvio delle assistenze dovute, la Regione, ha anticipato la spesa di 7 milioni e mezzo di euro per tutto il territorio, diventati pochi giorni fa 8 milioni e mezzo, grazie a un aumento concesso dal governo. “Un risultato significativo che la Regione ha raggiunto grazie alla costante partecipazione ai tavoli nazionali sede di contrattazione dei criteri di riparto del Fondo governativo destinato alle Regioni” ha ammesso l'assessore regionale alle politiche sociali Lucia Fortini. Ci può spiegare, assessore Lombardi, come ci si avvale del servizio scolastico di trasporto? “Gli alunni che richiedono questo servizio, sono riconosciuti dall’ASL di competenza, che lo certifica. Poi, s’inoltra domanda all’Istituto scolastico, che segnala i nomi al PSZ (piano sociale di zona). ” Il servizio, quest’anno, è partito regolarmente con l’inizio dell’anno scolastico? “No, perché l’iter per la realizzazione è molto complesso. Tant’è che già lo scorso anno, il coordinamento istituzionale del PSZ, individuò una soluzione alternativa, un contributo alle famiglie, erogato tramite il piano sociale di zona, che lo corrisponde agli aventi titolo alla fine dell’anno scolastico.” Facciamo un esempio: Una famiglia di Vico Equense, che ha un figlio che va a scuola a Sorrento, quanto riceverà di contributo? “L’anno scorso la cifra erogata per un caso del genere è stata di circa 2mila e 200 euro, per l’intero anno scolastico. Questa, però, non è una cifra fissa, varia a seconda di alcuni parametri (distanza, Comune di residenza, giorni di frequenza ecc.) ”

martedì 19 settembre 2017

Punta Scutolo

Punta Scutolo
di Filomena Baratto

Vico Equense - “Scutulum” in latino sta per piccolo scudo, ma la Punta è un baluardo roccioso che fa da parete divisoria tra Meta e Vico. Per un errore di trascrizione finì per diventare Scutari, ma per quanto sia importante il nome, a noi interessa questo pezzo di roccia che è un punto di riferimento e confine di Vico. Risalta non solo per l’altezza, ma per il colore che cambia in base al tempo. Potremmo quasi chiedere di aggiungere alla tavolozza del pittore il beige Scutolo, dopo il terra di Siena, il verde veronese…Come si fa a definire il suo colore se ne cambia uno a stagione e nella stessa stagione, ogni giorno e parte di giorno. Quelle striature, che la solcano in altezza, rendono il tratto di mare intorno di un verde scuro e intenso, facendone un punto di incontro felice tra acqua, vegetazione e terra. Fortunatamente la sua posizione, come l’imponenza, ha dissuaso gli animi dal voler rendere questo luogo da naturale ad antropico. Le quattro case sulla groppa sono privilegiate, godono di uno spettacolo unico. Ho potuto apprezzare la bella vista da “Villa Scutolo”, Bed and Breakfast rinomato dove i clienti, se ci andassero solo per questo, potrebbero ritenersi fortunati.
 

Evento, Note in Cammino: 1° Trekking e Concerto tra le neviere ed i faggi secolari del Monte Faito

Domenica 24 settembre 2017 

Vico Equense - “Note in Cammino: 1° Trekking e Concerto con Aperitivo tra le neviere ed i faggi secolari del Monte Faito” è un’esperienza diversa di vivere la montagna e prevede: un meraviglioso trekking condotto da una guida Aigae tra le neviere e i faggi secolari (alcuni sopravvivono da oltre 400 anni) sul sentiero che parte dalla sorgente “la Lontra”; una sosta al centro della faggeta per ascoltare il duo di archi composto da Andrea de Martino alla viola e Rocco Roggia al violino, talenti partenopei già affermati in campo internazionale (vantano infatti concerti al Teatro San Carlo ed all’Arena di Verona); ricco rinfresco con bontà locali offerto dagli sponsor. Inoltre il percorso e gli alberi saranno polo espositivo per le opere dell'emergente artista Ruben Staiano, presente all’evento anche con un live painting. Note in cammino è il primo di una serie di eventi pro-Faito di sensibilizzazione e rinascita della montagna, realizzato dalla Pro Loco di Vico Equense in collaborazione con l’European Neapolitan School e con il patrocinio della Città di Vico Equense, Campania Trail e del Parco Regionale dei Monti Lattari. Si parte alle 16.00 da Piazzale dei Capi per questa fantastica avventura, il costo di partecipazione è di € 7.00 a persona e tutti i proventi andranno a formare un fondo in favore del Ripristino del Monte Faito. La prenotazione è obbligatoria.

Vico Equense, un autocarro urta un balcone. Preoccupazione tra i residenti

Via Filangieri
Vico Equense - Un autocarro, ieri mattina, ha urtato incidentalmente contro il balcone di uno stabile in via Filangieri, nei pressi dello storico palazzo del Municipio di Vico Equense. L’urto ha provocando la caduta calcinacci lungo la carreggiata, che è stata messa in sicurezza dai vigili urbani, transennando l’area interessata dall’episodio. I proprietari del fabbricato, che non risiedono a Vico Equense, sono stati informati dell’accaduto. Solo per un caso nessuno si è fatto male, durante il tremendo urto. L’auspicio, da parte dei residenti e che grossi camion non passino più per il centro cittadino. Nonostante nessuno si sia fatto male, c’è preoccupazione: “E se ci fosse stato qualche pedone li sotto? E se ci fossi stata io con i miei bambini?”, scrive Assunta su facebook.

Giuseppe Alessio Nuzzo: “Totò è dentro ognuno di noi”

Giuseppe Alessio Nuzzo
Sorrento - A cinquant'anni dalla morte del principe Antonio de Curtis, i giornalisti Gianni Ambrosino e Aldo De Francesco hanno raccolto l'idea della Banca di Credito Cooperativo di Napoli e della Iuppiter Edizioni di ripercorrere vita e carriera di un grande dello spettacolo e della commedia dell'arte che ancora oggi, nonostante il mutare di modi, costumi e tendenze, è al centro della scena. Il libro 'Totò sbanca - Conoscere e amare il principe Antonio de Curtis' è un saggio corale che narra e svela grandezze, amori, fragilità e sogni del prncipe della risata. Il libro sarà presentato domenica prossima, 24 settembre, alle 10 e 30, nel palazzo municipale di Sorrento. “Avrò l'onore, - ci spiega Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore del Social World Film Festival che si svolge a Vico Equense - insieme al Sindaco Giuseppe Cuomo, l'assessore De Angelis, lo scrittore Lauro e gli autori Ambrosino e De Falco, di essere relatore a un importante evento per celebrare uno dei simboli della mia città, Napoli. Quando sono nato, lui, il Principe era già morto da 22 anni. Ma – aggiunge Nuzzo - è come se lo conoscessi bene, come se l’avessi frequentato, come se potessi sapere tutto di lui e magari lui di me. È una strana sensazione che coinvolge un po’ tutti, sopratutto i napoletani. Perché Toto’ è nato con noi, è cresciuto con noi e sempre resterà nel nostro immaginario. Non c’è un giorno - continua Nuzzo - in cui la televisione non programmi un suo film e non c’è ora in cui sui social non viene condivisa una sua canzone o una sua frase celebre. Totò è dentro ognuno di noi e anche se la storia ci ricorda che sono trascorsi già 50 anni dalla sua scomparsa, lui in fondo, non morirà mai. Questo bellissimo libro di Gianni Ambrosino e di Aldo De Francesco informa, approfondisce e documenta non solo l’artista-Toto’, ma anche l’uomo-Toto’, coinvolgendo così emotivamente e intellettualmente i lettori”, conclude Giuseppe Nuzzo.

Eccellenze campane… Vico Equense c’è…

Vico Equense - E’ iniziato il countdown per la premiazione ufficiale del Premio “MangiaeBevi” 2017 Le Eccellenze della Campania con il patrocinio della Regione Campania e del Comune di Napoli. Un vero e proprio Oscar della ristorazione campana che si terrà l’8 Ottobre nella lussuosa e panoramica location del Grand Hotel Parker’s di Napoli. Il premio MangiaeBevi nasce come evoluzione dell’omonima guida che dopo 11 anni e 16 edizioni ha cessato le proprie pubblicazioni. I destinatari del Premio sono le attività di ristorazione, i professionisti della ristorazione e i produttori del territorio. Per ogni singola categoria vengono definite 5 nomination a seconda della tipologia di attività (ad es. miglior ristorante gourmet, di pesce, cucina tradizionale) o per la sua particolarità (es. miglior bistrot o format innovativo). Nei giorni scorsi sono state decretate le nomination dei 5 finalisti del Premio e con grande orgoglio la Città di Vico Equense è presente in diverse categorie:
MIGLIOR RISTORANTE GOURMET: Torre del Saracino
MIGLIOR RISTORANTE DELLA TRADIZIONE: Antica Osteria Nonna Rosa
MIGLIOR GELATERIA: Cremeria Gabriele
MIGLIOR PIZZA IN PALA/AL TAGLIO/IN TEGLIA: Pizza a metro | L’università della Pizza
MIGLIOR CHEF: Gennaro Esposito
MIGLIOR CHEF UNDER 30: Faby Scarica | Villa Chiara Orto & Cucina
MIGLIOR PASTRY CHEF: Carmine Di Donna | La Torre del Saracino e Francesco Guida | Osteria Nonna Rosa
MIGLIOR RESTAURANT MANAGER: Giorgio Scarselli | Bikini
MIGLIOR MAITRE: Ciro De Gennaro | La Torre del Saracino
MIGLIOR SOMMELIER: Giovanni Piezzo | La Torre del Saracino

Sarim in agitazione, il Prefetto scrive al Comune di Vico Equense

Valutare ogni eventuale azione per dirimere il conflitto con i lavoratori 

Vico Equense - I dipendenti della Sarim sono pronti allo sciopero. Il motivo riguarda i carichi di lavoro, ritenuti molto pesanti. Nei mesi scorsi i dipendenti della società, che gestisce la raccolta differenziata sul territorio di Vico Equense e Meta, lamentarono la mancata percezione del premio di produttività. Agli inizi di settembre, il segretario regionale della Cgil Antonio Santomassimo, inviò una lettera al Prefetto di Napoli e al Sindaco di Vico Equense Andrea Buonocore. “Dai lavoratori – si legge nella nota – ci pervengono serie lamentele in quanto continuano a lavorare con gli automezzi carenti di manutenzione.” Precisamente non viene effettuato il necessario periodico lavaggio. E tutto questo, stando alla versione del sindacalista espone i lavoratori “e la collettività a rischi e pericoli nel garantire il regolare assolvimento al servizio”. Non finisce qui, la missiva continua evidenziando carichi di lavoro eccessivamente accresciuti, dovuti alla caratteristica del territorio. “Salite e vie strette che non consentono l’utilizzo di mezzi”. La situazione si aggrava, poi, con un personale di età media abbastanza avanzata. "Inoltre, come già segnalato in passato, - conclude la Cgil - restano precarie le condizioni degli spogliatoi e dei servizi per il personale nella sede operativa. Infine, nonostante gli impegni assunti, resta ancora non risolta la erogazione del premio di produzione ai lavoratori del cantiere. Per tali ragioni si proclama lo stato di agitazione del personale del cantiere di Vico Equense e si resta in attesa della attivazione della procedura di raffreddamento di cui alla legge 146/90. Resta inteso che decorsi i termini di cui alla citata legge senza alcun riscontro la scrivente organizzazione sindacale si vedrà costretta ad indire le iniziative di mobilitazione conseguenti". La Prefettura di Napoli ha riposto, invitando il Comune di Vico Equense a valutare ogni eventuale azione per dirimere il conflitto con i lavoratori, visto il delicato servizio a cui sono preposti.

Meta, stasera servizio del TGR

Meta - Stasera, nel TGR Campania delle 19.30, il servizio RAI sulla cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria di Meta a Raffaele Lauro e sul recital lirico pucciniano, con le straordinarie interpretazioni del celebre tenore Vincenzo Costanzo.

"Totò sbanca" a Sorrento

Sorrento - La manifestazione celebrativa del grande Toto’ è stata meritoriamente organizzata dall’Amministrazione Comunale di Sorrento, nel cinquantesimo anniversario della scomparsa del principe della risata, avvenuta a Roma il 15 aprile 1967 (Toto’ era nato a Napoli il 15 febbraio 1898). Al centro dell’incontro culturale ci sarà la presentazione dell’interessante, coinvolgente e documentato libro dei giornalisti Gianni Ambrosino e Aldo De Francesco, “Toto’ sbanca”, edito dalla Iuppiter Edizioni. Domenica 24 settembre 2017, alle ore 10.30, nella Sala Consiliare “Torquato Tasso” del Palazzo Municipale di Sorrento (Piazza S. Antonino, 1). Interverranno, in apertura, il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, e l’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis. Introdurrà e modererà il giornalista Antonino Pane. Il regista Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore del Social World Film Festival, terrà una relazione sull’opera, con particolare riferimento a “Toto’ e il cinema”. Concluderà i lavori lo scrittore Raffaele Lauro (www.raffaelelauro.it). Saranno presenti gli autori. “Quando sono nato, lui, il Principe - ha dichiarato il regista Nuzzo - era già morto da 22 anni. Ma è come se lo conoscessi bene, come se l’avessi frequentato, come se potessi sapere tutto di lui e magari lui di me. È una strana sensazione che coinvolge un po’ tutti, sopratutto i napoletani. Perché Toto’ è nato con noi, è cresciuto con noi e sempre resterà nel nostro immaginario.
 

Penisola Sorrentina allarme ambiente

Penisola sorrentina
Fonte: Giuseppe Guida da La Repubblica Napoli

Per decenni la politica ha completamente dimenticato l'ambiente». Così si è espresso ( come se il fatto non fosse suo) il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, in un articolo su "La Repubblica" di qualche giorno fa. Visto il pulpito, l'espressione potrebbe destare meraviglia e sarcasmo, ma, guardando quello che sta accadendo agli equilibri del territorio italiano, genera solamente sconforto. C'è un altro dettaglio che però non può sfuggire: la frase del ministro esprime un falso. Non è vero, cioè, che la politica si è completamente dimenticata dell'ambiente. Se ne è ricordata eccome, e con pazienza certosina, in particolare negli ultimi trent'anni, ha consentito la più ampia manomissione di risorse (quali ambiente, territorio, paesaggio, termini non sempre sinonimi...) non riproducibili. Lo ha fatto, al di là dei principi costituzionali e al di là di leggi di principio, con gli organi periferici dello Stato: Regioni e Comuni in testa, cui è stata delegata una materia per governare per la quale non hanno la solidità, la capacità e il buonsenso. In particolare, dopo aver saccheggiato e consentito una crescita disordinata dei paesaggi più "ordinari", si è proceduto con il mettere mano alla demolizione delle tutele delle molto più appetibili aree di pregio, dove, proprio grazie ai vincoli paesaggistici, i valori immobiliari danno ancora senso all'investimento e rendono possibile prendersi pure qualche rischio di tipo amministrativo e politico. Visto il contesto, si potrebbero fare decine di esempi di modifica delle regole paesaggistiche ed urbanistiche finalizzate ad un approccio speculativo e predatorio al governo del territorio.
 

lunedì 18 settembre 2017

PD. C'è festa e festa…

Vico Equense - Il 7 e l’8 ottobre 2017, i circoli del partito democratico della Penisola Sorrentina hanno organizzato una Festa de l’Unità a Vico Equense. Due giorni per discutere di politica, nel complesso seicentesco dell’Istituto Santissima Trinità e Paradiso. Se i democrat della penisola sorrentina fanno “Festa”, quello provinciale rischia il commissariamento, poiché evidentemente l’unità tanto sbandierata non c’è. La mancanza di numero legale della direzione provinciale, che avrebbe dovuto eleggere, qualche giorno fa, la commissione in vista del congresso è l’ultima brutta figura del Pd. Adesso rischia di saltare pure la festa dell’Unità a Napoli. A confermarlo Valerio Di Pietro, nel gruppo di lavoro con Tommaso Ederoclite e altri giovani democrat per l’organizzazione della Festa. “Dopo quanto accaduto in direzione provinciale – spiega – c’è poco da festeggiare, visto che anche lo stesso Congresso sembra a rischio”. Così ora è tutto fermo. La festa era stata proposta come momento di confronto per tornare a parlare ai territori, così che il Congresso non fosse soltanto un momento di politica interna, ma anche un' assemblea fatta di programmi e rilancio del partito tra la gente. Altroché. E mentre il partito locale non riesce a promuovere la sua Festa il paradosso è che sarà quasi sicuramente Napoli la città in cui si terrà la conferenza programmatica Pd, in programma dal 6 all’8 ottobre…

Premio MangiaeBevi 2017... Gabriele c'è...

Vico Equense - E' iniziato il conto alla rovescia per l’assegnazione dei premi "MangiaeBevi 2017 - Le Eccellenze della Campania", vero e proprio Oscar della ristorazione campana, in programma domenica 8 ottobre 2017 alle 17, nella splendida e panoramica location del Grand Hotel Parker’s di Napoli (Corso Vittorio Emanuele, 135), con il patrocinio del Governatore della Regione Campania e del Comune di Napoli. E a poco più di tre settimane dall’evento di premiazione rese note le 120 nomination, suddivise tra le 75 nomination delle attività di ristorazione (15 categorie) e le 45 nomination dei professionisti della ristorazione (9 categorie), che si contenderanno la vittoria finale nelle rispettive categorie. Tra le geletarie in gara, non poteva mancare la Cremeria Gabriele, gestita da Liberato e Raffaele Cuomo. Un luogo del buon mangiare, si sceglie tra dolci, gelati artigianali, formaggi freschi e stagionati. I gelati sono prodotti artigianalmente, secondo le stagioni. L’esperienza maturata in settant’anni dalla ditta Gabriele, ha sempre dato vita a prodotti nuovi, originali e di ottima qualità, offrendo così, dal 1990, anche una nuova linea dedicata alla produzione dei prodotti tipici locali, quali confetture di agrumi ed altre leccornie della penisola sorrentina, e in particolare alla produzione del tradizionale liquore di limoni di Sorrento e di Capri. L’azienda, mantenendo sempre ben salde le proprie radici di tradizione ed artigianalità, opera una ricerca costante della qualità abbinata alla bontà del proprio prodotto.

Presentazione pubblica dell'avvio gara per la realizzazione del centro sportivo polivalente

Capri - Il Sindaco Giovanni De Martino, unitamente all'Assessore allo Sport, Vincenzo Ruggiero, all’Amministratore Delegato di Coni Servizi, Alberto Miglietta presenteranno in una pubblica conferenza, mercoledì 20 settembre alle ore 11.00 presso la Sala Donna Lucia del Grand Hotel Quisisana, l’avvio della gara per la realizzazione in Finanza di Progetto del “Centro sportivo polivalente a Capri”. Sarà presente anche il Presidente della Federazione Nuoto Campania, Paolo Trapanese. Si tratta di un’iniziativa Pubblico–Privata per la costruzione e la gestione trentennale di un complesso sportivo comunale, con piscine e copertura mobile. A inizio 2016, l’Amministrazione Comunale ha chiesto supporto alla Coni Servizi, leader nel mercato dell’assistenza per l’impiantistica sportiva, al fine di intraprendere una procedura per la costruzione del centro sportivo in oggetto in località San Costanzo. L’obiettivo è quello riqualificare una zona nella quale in passato era prevista la realizzazione di un Palazzetto dello sport, costruito solo in parte e ad oggi incompiuto. Si tratta di un progetto molto ambizioso, finalizzato alla costruzione di un complesso natatorio comprendente due piscine (di cui una per le attività fisioterapiche), dotate di una performante copertura apribile, tribune, servizi ed impianti tecnici.

“A tavola con gli antichi romani”: l’archeologia incontra il palato

Giovedì 21 settembre a Pompei, l’autore Giorgio Franchetti racconterà le ricette della città antica, che saranno realizzate dall’archeo-cuoca Cristina Conte e dallo chef del ristorante Caupona, Enrico Ruggiero 

Pompei - Chi l’ha detto che l’archeologia non può coinvolgere anche il palato? Proprio questo connubio sarà al centro della presentazione del libro di Giorgio Franchetti “A tavola con gli antichi romani” in programma giovedì 21 settembre (ore 18,00) a Pompei, in via Masseria Curato 2, presso l’archeo-ristorante “Caupona”. Si tratta del primo appuntamento di un ciclo di incontri gastronomici e culturali in programma nel locale, durante tutta la stagione invernale. L’autore condurrà i presenti attraverso un interessante viaggio indietro nel tempo e alla scoperta di sapori sconosciuti ai più, arricchendo il tutto con curiosità sulle ricette e tante belle novità emerse dai suoi più recenti studi condotti sull’argomento. Ma di cibo non si sentirà soltanto parlare in questo incontro: Franchetti sarà infatti coadiuvato nel suo compito divulgativo dall’archeo-cuoca Cristina Conte che, assieme a Enrico Ruggiero, chef di Caupona, darà vita ad alcuni degli antichi piatti descritti nel volume, offerti alla degustazione dei presenti. La partecipazione all’incontro con l’autore e alla degustazione è gratuita. Per chi, invece, deciderà di proseguire la serata nel mondo dei sapori antichi, seguirà (dalle ore 20,45) una vera e propria cena a tema, con la riproposizione integrale di alcune ricette rielaborate dal volume “A tavola con gli antichi romani”, accompagnate dal vino Falerno e dal vino mulsum. “Caupona” (dal latino, “locanda, osteria”), nato nell’aprile 2016 a Pompei, è il primo ristorante “archeo-esperienziale”, completamente ispirato all’antica città romana distrutta dal Vesuvio, dove un pranzo o una cena diventano una vera e propria immersione negli usi e nei costumi in voga nella Pompei di duemila anni fa. Tutto è stato studiato e realizzato per riprodurre, fin nei minimi particolari, le caratteristiche di una locanda e di una casa di epoca romana.
 

La storia della Certosa di San Giacomo narrata dalle studiose Antonia Tafuri e Roberta De Martino

Capri - La prima tappa del viaggio lungo i sentieri dell'anima ci conduce alla scoperta della Certosa di Capri, con la sua storia ed i suoi tesori. Dedicata a San Giacomo, il santo protettore di pellegrini, viandanti, cavalieri e soldati, il complesso certosino è la più importante testimonianza architettonica di epoca angioina, con la sua grandiosa distesa di volte estradossate. Luogo dell'anima, di silenzio e preghiera, il monastero accolse i monaci certosini, una piccola comunità solitaria alla ricerca dell'intimità con Dio, dedita alla preghiera, allo studio, al lavoro manuale. La Certosa fu per oltre quattro secoli il centro della vita monastica dell'isola, per poi andare incontro ad un lungo periodo di abbandono e declino all'insorgere del XIX secolo. Oggi gli spazi dell'antico convento ospitano un museo, in cui è possibile ammirare testimonianze artistiche di età angioina, affreschi e tele di epoca barocca e la preziosa collezione di dipinti dell'artista K.W. Diefenbach.

Veleni nelle acque della Costiera sorrentina: il sindaco vieta la pesca di ricci e cozze

Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino

Sorrento - Stop alla pesca da autoconsumo di cozze, patelle, ricci e crostacei in prossimità della costa e sugli scogli di Marina Grande. A stabilirlo è un'ordinanza firmata dal sindaco Giuseppe Cuomo e motivata dal «possibile accumulo di una tossina algale che può rivelarsi estremamente pericolosa per la salute pubblica». Alla base del provvedimento del primo cittadino ci sono le analisi effettuate nelle scorse settimane dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpac) su un campione di ricci di mare. L'obiettivo? Verificare la presenza di tossine prodotte dalla ostreopsis ovata, la microalga che infesta gran parte delle coste campane e che spesso è responsabile di intossicazioni. I test hanno rivelato un boom di ovatossine che ha spinto gli esperti a caldeggiare l'emanazione di un divieto di pesca sotto costa sui siti rocciosi del litorale di Marina Grande posti a meno di cento metri dalla costa. Lo stop riguarda la pesca di ricci di mare, crostacei (a cominciare dai granchi), patelle, cozze e altri molluschi. «Il rischio non è legato al consumo di queste specie ittiche attraverso gli ordinari canali di vendita - precisano dal Comune - che sono sottoposti ai rigidi controlli sanitari da parte dell'Asl». La proibizione, dunque, riguarda soltanto la pesca amatoriale finalizzata al personale consumo delle specie indicate nell'ordinanza: uno stop precauzionale, destinato a rimanere in vigore fino a nuova comunicazione.

Allarme Faito: dopo gli incendi in Campania rischio dissesto idrogeologico

Rosario Lopa
“Costituire nell’immediato con le istituzioni regionali e governative una commissione d’esperti per monitorare i cambiamenti del clima, studiare le contromisure e promuovere un sistema assicurativo all-risks a tutela degli agricoltori, cittadini ed imprese colpiti dalle calamità”. Così, in una nota congiunta, i Dirigenti Nazionali Rosario Lopa, componente del Dipartimento Nazionale Ambiente Territorio Turismo Agroalimentare, e Alfredo Catapano, componente del Dipartimento Commercio e Pmi del Movimento Nazionale per la Sovranità di Alemanno e Storace. “Crisi o non crisi i soldi per fronteggiare l’emergenza dovranno essere trovati, è un dovere dello Stato. L’unica strada percorribile è quella in primo luogo snellire le procedure burocratiche e far accedere ai finanziamenti anche le imprese che quest’anno hanno avuto danni inferiori al 30 per cento della produzione, ma che ne hanno subiti anche negli anni precedenti. Il secondo provvedimento che intendiamo proporre è quello di dare più impulso alle polizze multirischio che coprono gli agricoltori e le imprese per l’insieme dei danni causati dalle calamità naturali ma anche dalle crisi di mercato e chiedere con forza all’Unione Europea di creare un fondo comunitario per sostenere queste misure per prevenire e fronteggiare il dissesto idrogeologico della Campania, in particolare la zona del Monte Faito, per offrire iniziative accessibili per gli agricoltori e le piccole imprese, spesso a conduzione familiare, ma anche per i singoli cittadini, in grado di sostenere le spese dei vari tipi di danni. Crediamo che questo sia l’unico strumento per non buttare dalla finestra decine di milioni di euro ogni anno per inseguire l’emergenza”.
 

Polizia municipale. Nuove licenze d’uso per il sistema di videosorveglianza

Vico Equense - Il Comune di Vico Equense, per garantire al meglio la sicurezza del territorio cittadino, acquista un pacchetto di sedici licenze d’uso per aggiornare la rete di videosorveglianza. La città è costantemente monitorata da 31 stazioni di ripresa, con due ripetitori di ricezione/trasmissione del segnale e da una centrale operativa, per finalità di sicurezza urbana, controllo del traffico e quale strumento per le attività di contrasto e repressione dei reati che possono essere perpetrati sul territorio comunale. Il sistema, che permette la lettura targhe e il controllo in simultanea della copertura assicurativa e della revisione, soluzione che consente di ottenere risultati notevoli sia dal punto di vista della sicurezza del territorio, che per le attività di polizia stradale, richiede continui aggiornamenti del programma. Ogni telecamera è coperta da regolare licenza d’uso, rilasciata dal proprietario del software di gestione. Negli ultimi anni il sistema è stato notevolmente integrato, tanto da aver esaurito le licenze d’uso e che pertanto, in vista di futuri ampliamenti della rete di telecamere, è necessario procedere all’acquisto di un pacchetto di sedici licenze.

Emergenza Faito dopo gli incendi, il caso in Consiglio regionale - VIDEO

Vico Equense - La questione relativa agli incendi che hanno devastato Monte Faito negli ultimi mesi e il rischio di dissesto idrogeologico dell’intera area dei Monti Lattari sono stati argomenti di discussione in Consiglio regionale nel corso del question-time voluto dal consigliere Alfonso Longobardi. Durante la seduta è stata avanzata la proposta di dichiarare lo stato di emergenza. Dopo i roghi estivi che hanno distrutto ettari di boschi e pinete, con l’arrivo dei primi temporali si sono già registrate frane e smottamenti.

Giuseppe Abbagnale "La mia vita in barca"

Giuseppe Abbagnale
Fonte: Marco Caiazzo da la Repubblica Napoli

Seduto al bar del Circolo Nautico Stabia, Giuseppe Abbagnale assapora una granita al limone con gusto, come un ragazzino. Questa, d'altronde, è casa sua: «I trofei esposti nelle vetrine li abbiamo vinti quasi tutti noi...». Il plurale, superfluo sottolinearlo, ricorda che in barca trionfava col fratello Carmine e Peppiniello Di Capua. Li allenava lo zio, Giuseppe La Mura. Il terzo fratello, Agostino, con altri equipaggi ha vinto 3 ori olimpici. Una storia di famiglia con dentro tutti gli ingredienti dei grandi atleti del Sud: radici, umiltà, forza. Abbagnale, lei è una leggenda dello sport internazionale, il suo nome evoca trionfi indimenticabili e oggi è presidente della federazione canottaggio. Eppure si comporta come uno dei tanti… «Il circolo è la casa che mi ha dato un'opportunità. Ho saputo coglierle, ma a questo posto devo molto. Ho un impegno morale: è giusto che le stesse opportunità vengano date ad altri». Il molo stabiese sembra fermo nel tempo: lo popolano ormeggiatori e pescatori, all'alba alcuni canottieri escono per l'allenamento. Ricorda gli inizi? «Avevamo solo due barche per allenarci. Bastarono. Eravamo un gruppo con volontà e talento, trovammo un presidente che apriva allo sport ed un allenatore che sperimentava. Arrivò tutto poco per volta: la convocazione ai campionati italiani, la prima vittoria, gli europei, i mondiali e le olimpiadi». Negli anni Ottanta avete rivoluzionato il canottaggio... «Oggi però viviamo il paradosso che nell'ambito cittadino non viene riconosciuto il nostro ruolo. Dovremmo essere un fiore all'occhiello, così non è. Questo posto ha tolto giovani dalla strada, ha permesso di fare sport gratis ed a molti di entrare nei gruppi militari e garantirsi un lavoro».
 

Massa Lubrense ed Ercolano unite nel ricordo dei pescatori

Lorenzo Balduccelli, sindaco di Massa Lubrense
Festa del mare, corteo con parroco, fedeli e autorità. Poi la deposizione della Madonnina del subacqueo

Fonte: Giuseppe Imperato da Il Roma 

Ieri mattina, una pioggia fitta e persistente, al suono delle campane della chiesa di Santa Maria del Loreto, ha accompagnato fino al porto attraverso un itinerario predisposto la processione con la Madonna del Subacqueo e dei Pescatori nel giorno della sua trentasettesima edizione. Alle 9,35 il corteo s'è fermato un momento per deporre una corona di alloro alla lapide che ricorda i caduti del mare e della Moby Prince; è seguita la benedizione e il silenzio fuori ordinanza. A causa della pioggia, la Santa Messa delle ore 10, è stata celebrata nell'ampio e lussuoso salone della Casina Zezza del più vasto monumento del Parco di Villa Favorita. Ha officiato Padre Andrea De Luca, parroco, davanti ad un pubblico immenso di autorità e di fedeli legati alle tradizioni del mare e della Madonna del Subacqueo e dei Pescatori. Il coro della chiesa del Loreto ha intonato tutti i canti della funzione. Manifestazione lodevole per contenuti e partecipazione di pubblico, una gioia per il fondatore, il direttore de La Voce Vesuviana, che ha salutato e ringraziato gli amministratori comunali locali per la continuità sempre più bella e interessante data alla manifestazione del mare di Ercolano. Ha rappresentato il sindaco, l'Assessore al Turismo Ivana Di Stasio. «È stata una manifestazione che cresce ogni anno e mette in evidenza il ricordo dei caduti del mare e l'impegno della civica amministrazione a rendere sempre più bello e fruibile lo strumento portuale della nostra città che quest'anno ha salutato molti impegni assolti con onore e rispetto». Anche l'assessore al Turismo di Massa Lubrense che per la circostanza rappresentava il sindaco Lorenzo Balducelli, ha detto: «E con piacere che ogni anno ricordiamo, insieme al gemellato santuario di Ercolano, i caduti del mare delle nostre città.
 

Oggi a Capri si presenta la Campania da gustare

Fonte: Pasquale Raicaldo da la Repubblica Napoli

Capri - La Campania da gustare: sapori e profumi, percorsi e suggestioni di una terra unica, svelata da un volume a sua volta unico nel suo genere. Capri saluta l'estate con la presentazione della Guida di Repubblica ai sapori e ai piaceri della Campania, un libro di oltre 570 pagine in edicola e in libreria dallo scorso 21 luglio. Appuntamento all'hotel Punta Tragara questa sera, a partire dalle 19.30 ( ingresso libero ): una location d'eccezione per un appuntamento al quale parteciperanno il direttore delle Guide di Repubblica, Giuseppe Cerasa, e i sindaci di Capri, Gianni De Martino, e di Anacapri, Franco Corrotta. Atteso il gotha della ristorazione dell'isola. La regione riparte dunque dalle sue eccellenze, a cominciare da quelle enogastronomiche, tra i valori aggiunti di una realtà complessa, che — come sottolinea Cerasa, riprendendo un significativo passaggio dell'intervista a Renzo Arbore, che apre la Guida — «si ostina a non rassegnarsi alla Napoli del no e si impegna per quella del sì, per rilanciare nel mondo il meglio del made in Sud». «Capri si fa convinta portavoce, da sempre, della bellezza della Campania, puntando con convinzione sulla qualità dei servizi ristorativi e di eccellenza, così ben sintetizzati dalla Guida di Repubblica», commenta Antonino Esposito, assessore al Turismo del Comune di Capri e albergatore.
 

domenica 17 settembre 2017

TripAdvisor. Faito al primo posto tra le cose da vedere a Vico Equense

Monte Faito
Domenica 24 settembre trekking per riscoprire la montagna 

Vico Equense - TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione di viaggi, al primo posto tra le cose da vedere a Vico Equense mette il monte Faito e il suo panorama. “Ti lascia senza parole”, dice un utente. “Faito è qualcosa che ti resta dentro…”, il commento di un altro. L’autunno è un’ottima stagione per esplorare le sue meraviglie. Domenica 24 settembre 2017, dalle ore 16, da piazzale dei Capi partirà il primo appuntamento della rassegna “Note in cammino: Trekking e concerto tra le neviere ed i faggi secolari del monte Faito”. L’evento è stato organizzato dalla Pro Loco Vico Equense in collaborazione con l’European Neapolitan School e il patrocinio del Comune, Campania Trail e Parco regionale dei monti Lattari. Il costo di partecipazione è di 7 euro. “Lo facciamo per aiutare la rinascita del faito”, spiegano gli organizzatori dell’evento. Trekking tra i faggi secolari, concerto d'archi con il duo Andrea de Martino e Rocco Roggia, mostra d’arte dell’artista emergente Ruben Staiano e per finire aperitivo tra gli alberi... Per saperne di più: info@prolocovicoequense.it - 3313102009 /3393958998

Gigino, il ragazzo "perfettino" neanche il papà fascista lo votò

Luigi Di Maio
Ebbe solo 59 voti nella «sua» Pomigliano ora divisa sulla candidatura

Fonte: Francesco Romanetti da Il Mattino

Carino. Lindo e pinto. Perfettino. «Non è cambiato per niente, era così già alle elementari», raccontano a Pomigliano d'Arco. «Pure il taglio dei capelli, neri neri, era più o meno lo stesso». Allora grembiulino pulito, fiocco e zainetto. Più tardi «sempre ben curato, mai stravagante nel look», come lo ricorda una sua ex insegnante di Italiano del liceo. Oggi abitino blu d'ordinanza, cravattina sempre ben annodata, mai neppure un colletto della camicia fuori posto. Comprereste un'auto usata da questo giovanotto dal sorriso gioviale e dai modi garbati? Ma sì, come non fidarsi. Vada per l'auto usata. Il fatto però è che la domanda è un'altra: affidereste alle sue mani le sorti dell'Italia? Lo vedreste addirittura come primo ministro? «Non ha mai amministrato neanche un condominio», osservano i detrattori. «E che vuoi dire? - ribattono i fans - Tutti i Cinque Stelle quando sono entrati in Parlamento non avevano alcuna esperienza nelle istituzioni politiche; e sono stati scelti proprio per questo». «Io prego per lui, perché possa conservare intatti gli ideali che ha nell'animo», assicura don Peppino Gambardella, il parroco della chiesa di San Felice. «Lui primo ministro? Suvvia, non scherziamo. È uno che sbaglia i congiuntivi e confonde il Cile di Pinochet con il Venezuela. Sentite a me: il ragazzino si presenta bene, ma la sua è un'immagine costruita in laboratorio. Ed è un'immagine venuta anche male», sogghigna Leilo Russo, sindaco di Pomigliano. Ma chi è, da dove salta mori Luigi Di Maio, detto Gigino dagli amici, Luigiotto in famiglia, torta di compleanno con 31 candeline tagliata appena il 6 luglio scorso?
 

Oscar della ristorazione campana, premio "MangiaeBevi 2017": molti vicani tra i candidati

Conto alla rovescia per l’assegnazione dei premi MangiaeBevi 2017 – Le Eccellenze della Campania, vero e proprio “Oscar della ristorazione campana”, che si terrà domenica 8 ottobre 2017 alle ore 17.00, nella splendida e panoramica location del Grand Hotel Parker’s di Napoli (Corso Vittorio Emanuele, 135), con il patrocinio del Governatore della Regione Campania e del Comune di Napoli. E a poco più di tre settimane dall’evento di premiazione sveliamo finalmente le 120 nomination, suddivise tra le 75 nomination delle attività di ristorazione (15 categorie) e le 45 nomination dei professionisti della ristorazione (9 categorie), che si contenderanno la vittoria finale nelle rispettive categorie. Non mancano professionisti di Vico Equense a contendersi gli allori. Le attività di ristorazione in gara sono: ristorante gourmet, ristorante della tradizione, ristorante di pesce, trattoria, pizzeria, enoteca, birreria, cocktail bar, pasticceria, gelateria, pizza in pala/al taglio/in teglia, cibo di strada, novità dell’anno, format innovativo. I professionisti della ristorazione in gara sono: chef, chef under 30, pizzaiolo, pizzaiolo under 30, pastry chef, restaurant manager, maitre, sommelier e barman. Saranno inoltre assegnati due premi speciali (comunicazione digitale e critica enogastronomica) e degli attestati di eccellenza ad aziende produttrici della Campania. A decretare i vincitori sarà una prestigiosa giuria composta da 25 giornalisti esperti di enogastronomia e ristorazione fuori casa, che con i propri voti ha già determinato le nomination. Giuria che per ovvie ragioni rimarrà anonima fino al voto finale. Tutti i “candidati” saranno invitati all’evento di premiazione, durante la quale saranno decretati i vincitori di ogni categoria. Le premiazioni saranno precedute e seguite da degustazioni enogastronomiche di prodotti tipici campani.

Itarella e le altre storie…Il ritorno dalle vacanze

di  Filomena Baratto

Vico Equense - “Ah, pare mo che sono arrivata, già devo partire, uffa, le cose belle finiscono subito, la noia, quella c’è sempre!” Itarella si lamenta entrando nel treno a Sorrento con Annuccia e l’amica. Sistema i bagagli e si affaccia dal finestrino per salutare il marito che va via con l’auto. Ha fatto una lunga vacanza tra parenti e isola di Capri, soggiornando più del dovuto. Questa volta parte all’imbrunire con l’ultimo treno verso Napoli. “Speriamo bene, non voglio fare il pellegrinaggio di quando siamo venuti. I mariuoli, i puzzolenti e i cattivi intenzionati che restino a casa”. L’amica mangia un panino e lei la guarda come un cucciolo a cui non si dà niente. “ E’ finita la vacanza e già sono triste. Tutto sommato mi sono abbronzata, ho messo su tre chili, ho speso un bel po’ di soldi, capirai quanto è cara Capri e so’ pure stanca!” “Ma no, dai che è stata una bella vacanza Itarè, in giro per l’isola, hai mangiato bene tutti giorni, ti sei divertita. Quelli per la vacanza sono soldi spesi bene!” “Macchè!!! Adesso devo andare dal professore, ci dovevo andare per il controllo e invece sono aumentata. Tu mangi il panino e io guardo. Che poi non capisco una cosa. Ma tu hai visto i turisti per l’isola? Li hai visti? Tutti rotondi e non si fanno mica problemi a mettere fuori i cosciotti di pollo. Tutti affettuosi con quelle mogli e quei mariti a forma di fiaschi e damigiane. Abbracciano chili di lardo, baciano guanciotte a forma di cuore. Qui qualche chilo in più e sei out” Il treno parte e, guardando fuori, spuntano tante luci. Settembre è fresco, le giornate si accorciano e lei sembra triste. “Che hai Itarè, stai in pensiero per Cosimuccio?”
 

Faito, appello alla Regione: proclamare lo stato di calamità

Chiara Marciani
Dopo gli incendi le piogge Marciani: acquisite le mappe programmeremo interventi 

Fonte: Fiorangela d'Amora da Il Mattino 

Castellammare di Stabia - Il caso Faito e il rischio idrogeologico dell'intera area dei Monti Lattari è approdato in consiglio regionale, dove nel corso del question-time voluto dal consigliere Alfonso Longobardi si è discusso della necessità di dichiarare lo stato di emergenza. Dopo gli incendi di quest'estate che hanno devastato i boschi e raso al suolo intere pinete, sono bastate le prime piogge a rendere la situazione subito seria e preoccupante. L'associazione del Faito «FaiRete», capeggiata da Giacomo Vanacore, ha lanciato una raccolta firme per la petizione da presentare al governo nazionale. Nel documento si richiede «al Consiglio della Regione Campania e al governo di dichiarare lo stato di emergenza e di calamità naturale al fine di garantire la pubblica incolumità, mettere m sicurezza il territorio e soprattutto ridare vita e slancio a Monte Faito». Per ora sono poco più di 500 le firme raccolte da volontari, amanti del Faito e residenti. Intanto il caso portato in Consiglio regionale da Longobardi ha avuto le prime risposte dall'assessore alle Pari opportunità Chiara Marciani, presente in aula in rappresentanza della giunta. «Sono state acquisite le mappe e le foto delle zone critiche, nel prossimo futuro si dovrà quantizzare gli interventi utili e indispensabili per la mitigazione del rischio», ha detto la Marciani. Inoltre nel suo intervento l'assessore ha ricordato il finanziamento per dieci milioni di euro affidato dalla Regione al Comune di Castellammare per ben due volte.
 

Lions Club della Penisola Sorrentina, convenzione con il Liceo Publio Virgilio Marone di Meta

Francesca Rossi
Penisola sorrentina - Stipulata una convenzione, per il percorso di Alternanza Scuola Lavoro, tra il Lions Club della Penisola Sorrentina, presieduto dalla dottoressa Francesca Rossi e il Liceo Publio Virgilio Marone di Meta, diretto dalla professoressa Immacolata Arpino.. Con azioni concrete rivolte ai giovani e finalizzate alla conoscenza e alla difesa del proprio territorio ,inizia l’attività sociale del Lions Club Penisola Sorrentina presieduto dalla dottoressa Francesca Rossi per l’anno 2017-2018, Anno del Centenario della fondazione del l’Associazione di Servizio più grande al mondo con 1,4 milioni di soci. La Convenzione con il Liceo Virgilio Marone di Meta è finalizzata alla formazione di sei studenti designati dal Liceo . Per ciascun allievo beneficiario è previsto un percorso formativo personalizzato e riguarderà lo studio dei Beni Culturali ed Ambientali del Territorio di appartenenza e le azioni rivolte alla loro difesa e valorizzazione. Per la formazione degli studenti il Club si avvarrà sia di Soci professionisti esperti del settore , sia d esperti esterni, che volontariamente e gratuitamente presteranno il loro servizio. L’attività di formazione ed orientamento del percorso sarà congiuntamente progettata e verificata da un docente tutor designato dal Liceo di Meta, e da tutors designati tra i soci del Lions Club Penisola Sorrentina.

sabato 16 settembre 2017

Santissima Trinità e Paradiso. VICOinvolgiAMO: “Un' occasione persa per la nostra città”

Santissima Trinità e Paradiso
Lettere anonime hanno fatto saltare l’accordo 

Vico Equense - Nel maggio del 2017 l'amministrazione comunale aveva deciso di concedere alla fondazione ISEI (istituto delle scienze enogastronomiche italiane) alcune aule della Santissima Trinità e Paradiso con l'obiettivo di avviare corsi di formazione universitaria a distanza con la facoltà di scienze gastronomiche di Parma: un indirizzo politico che rappresentava una grande opportunità di lustro per la nostra città, propedeutica anche al raggiungimento dell'ambito riconoscimento UNESCO per Vico Equense di "Città del gusto". “Dopo molteplici incontri – spiega il movimento civico VICOinvolgiAMO - con la fondazione e la visita all'istituto del professor Gabriele Costantino, direttore della facoltà di scienze degli alimenti dell'università emiliana, tutto sembrava procedere per il verso giusto fino a che un anonimo ha inviato una lettera alla stessa "suggerendo con parole intimidatorie" di evitare qualunque attività a Vico nello storico plesso. In seguito a questa lettera anonima di minaccia, è arrivata la richiesta di revoca della delibera di giunta alla quale l'amministrazione si trova costretta a dare seguito. Un' occasione – aggiunge VICOinvolgiAMO - persa per la nostra città con relativo danno di immagine per colpa di qualche individuo forse mosso da interessi personali sulla s.s. trinità o semplicemente dal non far raggiungere questo obiettivo all'amministrazione. Ci teniamo – conclude il gruppo civico di maggioranza - a far sapere pertanto ai nostri concittadini che il danno non va valuto nei confronti dell'amministrazione bensì come tale resta all'intera collettività!” La riprova di una lettera anonima arriva ancora dall’Avvocato Natale Ferrara, presidente della Fondazione “Istituto delle Scienze Enogastronomiche Italiane” (ISEI).
 

Meta, due giorni di riconoscimenti per lo scrittore Raffaele Lauro

Raffaele Lauro e Giuseppe Tito
Meta - Due giorni di riconoscimenti, di emozioni e di applausi, in Penisola Sorrentina, per lo scrittore Raffaele Lauro. Un pubblico entusiasta di personalità, di amministratori regionali e locali (consiglieri regionali, sindaci e assessori). di amici, venuti anche da Roma (prefetti e questori), e di cittadini, che ha affollato all’inverosimile la sala consiliare del Palazzo Municipale di Meta, ha festeggiato il neo-cittadino onorario della cittadina costiera. Intensa la cerimonia del consiglio comunale straordinario, con gli interventi istituzionali, fortemente motivati, del sindaco Giuseppe Tito, dell’assessore alla Cultura Biancamaria Balzano, del presidente del consiglio comunale Michele Castellano e dei capigruppo, Antonella Viggiano e Susanna Barba. Un coro unanime di adesioni e di consensi verso il nuovo concittadino. Applauditissimo l’appassionato ed esaltante discorso di ringraziamento di Lauro, riportato in allegato: un autentico saggio critico sulla letteratura del mare, che ha ripercorso otto secoli di storia metese, tra miti, leggende, eventi e personaggi illustri, proiettata sul futuro, con la interessante proposta della nave-museo, un potente attrattore, culturale e turistico, per Meta e per l’intera Penisola Sorrentina. Senza soluzione di continuità il grande successo del recital lirico, “Omaggio a Giacomo Puccini”, organizzato, nella stessa location istituzionale, dall’amministrazione comunale, in chiusura dei festeggiamenti 2017 della Madonna del Lauro, che ha registrato le straordinarie ed emozionanti interpretazioni di famose arie d’opera di Puccini del celebre tenore Vincenzo Costanzo e del soprano Angela Rosa Fico, accompagnati al pianoforte dal maestro compositore Paolo Scibilia. Il concerto, sottolineato da ininterrotti applausi a scena aperta e da ripetute standing ovation, all’indirizzo degli artisti, si è concluso, tra un tripudio di “bravi”, con una sorpresa, che ha mandato letteralmente in visibilio i presenti. I due cantanti lirici, infatti, hanno interpretato, in anteprima assoluta, la nuova canzone dedicata a Sorrento, dal titolo “Sorrente Nostalgie”.
 

Meta - Grande successo per la seconda edizione di "Meta mare in festa" - VIDEO

Il "controsenso”…

Vincenzo De Luca
Regione Campania - “Siamo l'unico Paese al mondo nel quale un banale incidente stradale può diventare oggetto di sciacallaggio politico.” Lo dichiara il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in merito all'incidente avvenuto ieri a Salerno tra l'auto sulla quale viaggiava e uno scooter sul quale viaggiava una giovane, che è poi ricorsa alle cure in ospedale. “Un abbraccio a Sara – aggiunge De Luca - che è tornata regolarmente a casa senza problemi. Un rinnovato abbraccio al papà e alla mamma, persone civilissime con cui ci siamo sentiti ieri. Quanto al "controsenso", non c'entra nulla. L'auto di servizio si è immessa sulla strada principale impegnandola senza che il conducente si accorgesse del motorino proveniente da destra. In quella stradina tra cinque palazzi è indicato sulla segnaletica il doppio senso di circolazione per le forze di polizia. L'autista alla guida, agente della polizia locale, non ha infranto alcuna legge. Ma tant'è. Rimango convinto che lo sciacallaggio offende chi lo pratica, non chi lo subisce.”

Tgr Campania, dissesto idrogeologico sul Faito

Laura del Pezzo e Gianni Occhiello
Vico Equense - Al Tgr Campania delle 14 di oggi, 16 settembre, dal minuto 3.40, focus ancora sul dissesto idrogeologico di Faito. Con la diretta di Gianni Occhiello, l'assessore del Comune di Vico Equense Laura del Pezzo e Giacomo Vanacore, presidente di FaiRete, che insieme agli operatori turistici del Faito, ha lanciato una petizione. Già raccolte 1500 firme, per chiedere alla Regione Campania e al Governo di dichiarare lo stato di emergenza e di calamità naturale al fine di garantire la pubblica incolumità, mettere in sicurezza il territorio del Monte Faito. L’Assessore Laura del Pezzo, ha invece sottolineato l'operato dell'Amministrazione comunale di Vico Equense, che con una delibera di giunta, ha richiesto al Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca la dichiarazione dello stato di calamità naturale nel territorio, a causa dei gravi danni provocati all'economia locale e all'ambiente, in seguito agli incendi che quest'estate hanno distrutto la montagna.

VIDEO TGR 3

Faito, il piano anti-frane

Il sindaco Buonocore: “Bisogna fare presto” 

Vico Equense - Ieri pomeriggio, durante il question time in Regione Campania, si è discusso del dissesto idrogeologico, un problema che interessa l’intero comprensorio dei monti lattari e in particolare il monte Faito, dopo gli incendi che hanno distrutto ettari di territorio. La Regione Campania si era già attivata nei giorni scorsi, dopo una riunione tra la Giunta comunale di Vico Equense, l’Ente parco dei monti Lattari e i tecnici della SMA Campania, per un sopralluogo sulle aree interessate già dalla prossima settimana. “Bisogna fare presto. – pone l’accento il sindaco Buonocore - L’inverno è vicino e quando comincerà a piovere qui, rischia di venire tutto giù. Servono interventi immediati.” A preoccupare tutti, a cominciare dai residenti, le immagini choc dei detriti trascinati giù durante le ultime piogge. Il tavolo tecnico, che si è riunito al Comune di Vico Equense, ha discusso per ore ottenendo dalla Regione Campania la rassicurazione che già nei prossimi giorni, una squadra di esperti sarà spedita sul posto per prendere visione della situazione e valutare subito il da farsi. Tristano Dello Joio, presidente dell’Ente parco dei monti lattari, ha ricevuto la garanzia da parte della regione, in merito alla sua presenza fattiva per i suddetti interventi e si sta valutando la possibilità di fare una manutenzione ordinaria con cadenza periodica, coordinata dall’Ente parco in veste sovracomunale, sul gigante buono purtroppo ferito con roghi dolosi durante tutta l'estate. Lunedì scorso, intanto, il Tribunale del Riesame ha disposto i domiciliare per il presunto piromane, accusato di aver appiccato il fuoco il giorno di ferragosto.

I cattivi maestri sono in famiglia

Fonte: Luca Ricolfi da Il Mattino 

C’ è una cosa che sempre più sovente mi colpisce, quando le cronache riportano fatti di violenza, non necessariamente di natura sessuale; il silenzio assordante sulle nostre responsabilità di adulti. Per responsabilità di adulti non intendo le responsabilità immediate, dirette, che singole persone possono aver avuto m uno specifico episodio violento, bensì quelle indirette, che passano attraverso la parola, i modelli educativi, gli stili di vita e di consumo. Più in concreto: la responsabilità che le attuali generazioni di adulti portano per il modo in cui hanno fatto crescere e lasciato vivere i loro figli. In che senso, o meglio in quali occasioni, noi adulti abbiamo una responsabilità? In tutti i casi nei quali, oltre al comportamento criminale di un singolo (l'autore del delitto), c'è una leggerezza (della vittima) per evitare la quale noi, come generazione, non abbiamo fatto abbastanza o, temo io, abbiamo fatto e continuiamo a fare l'esatto contrario di quel che dovevamo fare. Prendiamo il recentissimo caso di Roma. Una ragazza finlandese, uscita alle 4 del mattino da un pub in cui aveva trascorso la serata, viene stuprata da uno sconosciuto dal quale aveva accettato un passaggio su un'auto (poi rivelatasi inesistente).

venerdì 15 settembre 2017

Il Cardinale Sepe consegna a Ciro Marmolo il Premio Madonnina del Vervece

Massa Lubrense - E’ stato il cardinale di Napoli Crescenzio Sepe in persona a consegnare a Ciro Marmolo, l’eroe di Ischia di 11 anni rimasto sepolto per 17 ore sotto le macerie e che ha salvato la vita ai suoi fratelli di 7 mesi e otto anni, il premio Madonnina del Vervece 2017. Il riconoscimento era stato attribuito durante la cerimonia dello scorso sabato 9 settembre a Marina Lobra, ma a causa delle condizioni di salute del piccolo Ciro, non era stato possibile consegnarlo. A ritirare il premio era stata la dottoressa Annamaria Minicucci, direttore del Pausillipon Santobono, l’Ospedale che aveva in cura il ragazzo. L’occasione della consegna del premio da parte del Cardinale Sepe è stata una visita della famiglia Marmolo alla Curia napoletana a Largo Donnaregina Nell'ambito della celebrazione della 43°edizione della Madonnina del Vervece, la giuria del premio, presieduta da Massimo Milone, responsabile RAI Vaticano, e composta da Lorenzo Balducelli, Sindaco di Massa Lubrense, Teresa Pappalardo, Presidente Pro Loco Massa Lubrense, e dai giornalisti Gaetano Milone, Mimmo Falco, neo Presidente del CORECOM della Regione Campania, e da Alessandro Sansone, consigliere regionale Ordine dei giornalisti, ha assegnato il premio : al Cardinale Crescenzio Sepe, al Procuratore Federico Cafiero de Raho, Carlo Gambalonga giornalista, scrittore ed ex vicedirettore vicario ​ dell’Ansa , allo scrittore Simone Di Meo, al fotografo Mimmo Roscigno, al Presidente del Comitato Notarile Dino Falconio, a Marco De Notaris e Francesca Amitrano, a Giuseppe Maffucci, a Ciro Marmolo ed alla memoria del prof Ammiraglio Raffaele Pallotta d' Acquapendente.​

Cerimonia ufficiale di consegna della bandiera e della targa dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio

Anacapri entra a pieno titolo nel novero delle Città dell'Olio d'Italia. La giunta municipale di Anacapri dopo aver approvato la proposta dell'assessore al Turismo Massimo Coppola, che consentiva ad Anacapri di entrare a far parte dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio. La cerimonia ufficiale avverrà sabato 16 settembre alle 17.30 presso il Centro Multimediale Mario Cacace di Anacapri alla presenza dell'assessore Coppola, che porterà i saluti dell'amministrazione, del presidente dell'Associazione nazionale “Città dell'Olio” Enrico Lupi e il coordinatore Regionale Nicolino Del Sordo, il presidente dell'Associazione “L'Oro di Capri” Pier Luigi Della Femina, inoltre presenzierà all'evento la Prof.ssa dell'Università Suor Orsola Benincasa Helga Sanità che interverrà sul tema: “Patrimonio, territorio, identità, nobilitazione delle tipicità locali. L’Oro di Capri: un modello di sviluppo sostenibile”. A farsi da promotore affinché Anacapri entrasse nella rete delle Città dell'Olio sono stati i soci dell'Associazione “L'Oro di Capri”. A margine dell'evento l'Assessore al Turismo Massimo Coppola ha dichiarato: “Grazie all’iniziativa di un gruppo di anacapresi che, riunitisi in un’associazione “L’Oro di Capri“, si sono adoperati per il recupero della coltivazione dell’olivo, della raccolta delle olive e la produzione dell’olio, questa Amministrazione ha aderito con grande piacere all’Associazione Città dell’Olio.
 

Libri. Alessandra Necci presenta “Isabella e Lucrezia, le due cognate”

Sorrento - Domani 16 settembre, alle ore 18, nella sala consiliare del Comune di Sorrento, Alessandra Necci presenterà il suo ultimo libro, “Isabella e Lucrezia, le due cognate”, edito da Marsilio Editore. La doppia biografia tratteggia le vite di due delle più famose protagoniste del Rinascimento italiano, Isabella d’Este, marchesa di Mantova, e Lucrezia Borgia, duchessa di Ferrara, che divengono cognate in virtù del terzo matrimonio di Lucrezia con Alfonso d’Este. Dopo i saluti del sindaco Giuseppe Cuomo e dell’assessore alla Cultura, Maria Teresa De Angelis, interverranno oltre l’autrice, Salvo Iavarone, Erminia Mazzoni e Massimo Lucidi. Modera la giornalista Chiara Del Gaudio.

Vico Equense. Aperte le iscrizioni al corso di progettazione sociale

Vico Equense - Il giorno 20 settembre, dalle ore 14,30, nella sala consiliare di Vico Equense avrà inizio il corso di progettazione sociale organizzato nell’ambito della campagna C2.zero realizzata da Amesci con il contributo del Comune. Il corso è rivolto a tutte le associazioni, i gruppi informali e i giovani residenti nel territorio. Il ciclo di incontri avrà ad oggetto gli elementi di progettazione sociale con un focus sui nuovi programmi europei in materia di gioventù, mobilità e formazione. Per partecipare è necessario iscriversi entro e non oltre il 19 settembre 2017. Il corso è destinato ad un numero massimo di 25 partecipanti. Qualora le richieste eccedessero il numero massimo di posti previsto, si terrà conto dell'ordine cronologico di presentazione della richiesta di partecipazione al corso.

Clicca qui per iscriverti 

Allarme dissesto sui monti Lattari

Monte Faito
Incendi, si mobilitano l'Ente parco e i sindaci della Penisola 

I canali di scolo sono ostruiti dai detriti, le vasche borboniche che raccolgono il "troppo pieno" delle piogge turbolente dell'autunno sono ormai vecchie e private di manutenzione da decenni. L'Ente Parco regionale di Monti Lattari e i Comuni dell'area stabiese e della penisola sorrentina si sono trovati di fronte a una situazione molto allarmante. In caso di pioggia forte, si rischiano allagamenti, danni e disagi dalle conseguenze persino drammatiche. Dopo i vasti incendi di questa estate i timori sono grandi. Ieri mattina, quindi, Sma Campania, il presidente del Parco dei Monti Lattari, Tristano Dello Joio, con i sindaci di Vico Equense, Andrea Buonocore, l'assessore ai Lavori Pubblici Gennaro Cinque, il sindaco di Meta e Consigliere della Città Metropolitana di Napoli Giuseppe Tito, hanno effettuato un sopralluogo sui territori devastati dagli incendi, per calendarizzare gli interventi di somma urgenza necessari alla salvaguardia della pubblica incolumità. "Prima delle stagione delle grandi piogge è necessario valutare l'entità dei danni sulle aree montuose che insistono sui territori dei 27 Comuni di competenza dell'Ente Parco e pianificare interventi di Protezione Civile per la manutenzione straordinaria e la pulizia dei canali di scolo delle zone maggiormente a rischio, per scongiurare possibili disastri ambientali - spiega il presidente Dello Joio -