mercoledì 24 maggio 2017

Vico Equense c’è…Migliori hotel sul mare in Campania: la top 5

Capo La Gala
Vico Equense - Cinque strutture della Campania tra i migliori hotel sul mare in Italia per l’estate 2017, selezionati da Trivago in base al gradimento dei clienti negli ultimi 12 mesi. Si tratta del Grand Hotel Ambasciatori di Sorrento, il Bellevue Syrene sempre a Sorrento, Capo La gala a Vico Equense, il Santa Caterina di Amalfi e l’Excelsior Parco a Capri. “Connubio perfetto – si legge sul sito Trivago- di design e natura, con un paesaggio Mediterraneo da sogno. Capo La Gala è un meraviglioso boutique hotel cinque stelle a Vico Equense. Gli arredi interni fanno subito capire la sinergia della struttura con l’acqua, che domina non solo all’esterno ma anche all’interno, trasformandosi in forme, luci e colori. Il comfort più assoluto lo si trova nella spiaggia privata, dove oltre all’ingresso in mare gli ospiti troveranno anche la piscina e la vasca idromassaggio. Sarà impossibile non godere bei benefici dell’acqua e del sole, e sentirsi coccolati durante tutto il soggiorno.”

Fondali puliti, volontari in azione a Vico Equense

Marina di Seiano
Vico Equense - Un mare di rifiuti, abbandonati, trasportati dalle mareggiate. Soprattutto plastica. Un problema ambientale di proporzioni drammatiche. Come ogni anno, si rinnova l’appuntamento con spiagge e fondali puliti – Clean up the Med in Italia e in tutto il bacino mediterraneo. Un importante evento di volontariato per pulire spiagge, scogliere e fondali e proteggere un bene comune trasformato spesso in una discarica a cielo aperto. A Vico Equense, domenica 28 maggio, ore 9.30, i volontari ripuliranno i fondali della Marina di Seiano. L’iniziativa che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Vico Equense, sarà svolta in collaborazione con Legambiente, Lega Navale, Marevivo, AVF e Sarim. "I rifiuti in mare minacciano la biodiversità e mettono a rischio le specie marine - osserva Legambiente - è necessario mettere in campo politiche di prevenzione e sensibilizzazione coinvolgendo i cittadini e le giovani generazioni". Il Comune di Vico Equense ha chiesto alla Guardia di Finanza un supporto all’iniziativa, con la presenza di militari sommozzatori e unità navali per garantire l’incolumità dei partecipanti. “In Italia – ha dichiarato Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente – la biodiversità sta rapidamente diminuendo anche a causa dell’inquinamento legato al marine litter che ha conseguenze anche sulla salute dei cittadini, l’economia e in settori come la pesca e il turismo. Per contrastare questo problema, l’Italia faccia la sua parte e raccolga la sfida lanciata dalla direttiva Marine Strategy ai paesi membri: raggiungere il buono stato ecologico per i nostri mari entro il 2020. In questa partita è fondamentale puntare anche sulla prevenzione e una corretta gestione dei rifiuti coinvolgendo prima di tutto i cittadini come facciamo da anni con la campagna Spiagge e Fondali puliti dimostrando che un cambiamento dal basso è possibile rendendo partecipi in Italia e in tutto il Mediterraneo le persone e soprattutto le giovani generazioni”.

Migranti, ok al patto comuni e chiesa

Si tratta con le parrocchie 

Penisola sorrentina - Ieri pomeriggio i Sindaci della penisola sorrentina si sono incontrati con il prefetto di Napoli, Carmela Pagano, per affrontare il problema dell’accoglienza dei migranti, che oramai si trascina da qualche tempo. Presenti i sindaci Piergiorgio Sagristani (Sant’Agnello), Andrea Buonocore (Vico Equense), Lorenzo Balducelli (Massa Lubrense), gli assessori Massimo Coppola (Sorrento) e Pasquale Cacace (Meta) e il consigliere comunale Marialaura Gargiulo (Piano di Sorrento). Regge il patto tra diocesi e amministrazioni comunali, per l’accoglienza dei rifugiati, che ha ricevuto l’ok da parte della prefettura. Rimane sul terreno il problema degli immobili. Entro lunedì prossimo il Prefetto vuole una risposta su dove alloggiare i migranti, che saranno assegnati nei comuni da Massa Lubrense a Vico Equense. “In penisola – ha dichiarato il Sindaco di Sant’Agnello Piergiorgio Sagristani - non abbiamo fabbriche dismesse, capannoni o alberghi abbandonati da ristrutturare e destinare all’accoglienza dei migranti. Perciò lavoriamo in vista di una collaborazione con la chiesa locale”. Il ministero dell’Interno, ha previsto che i Comuni dovrebbero ospitare un migrante ogni 3mila abitanti. Di conseguenza, nei sei centri della costiera sorrentina dovrebbero complessivamente trovare posto circa 240 profughi. Venerdì 26 maggio, ore 11, i Sindaci s’incontreranno nuovamente al Comune di Sant’Agnello, per fare il punto della situazione ed elaborare una proposta da trasmettere alla prefettura. Stando a quando trapela dagli uffici della Curia, l’Arcivescovo Francesco Alfano è disponibile a offrire un tetto ai rifugiati, ma non intende esercitare alcuna forma di pressione sulle parrocchie.

Nuove generazioni sul palcoscenico tra musica e teatro a Piano di Sorrento

School of Rock e All Star mercoledì 24 e giovedì 25 maggio ore 20:30 Le ali dipinte di Icaro mercoledì 31 maggio ore 20:30 

Piano di Sorrento - Tre serate completamente dedicate alle nuove generazioni: questa è la proposta del Teatro delle Rose che, con gli spettacoli del 24, 25 e 31 maggio chiude, in un grande inno all’arte, l’anno accademico 2016/2017. Si inizia mercoledì e giovedì con la musica della School of Rock, la scuola di musica della struttura. Due concerti in cui ragazzi di tutte le età, dai bambini di avviamento alla musica fino agli strumentisti e ai cantanti più grandi, affiancati da professionisti del settore e con la direzione artistica di Antonio Mirone, porteranno sul palcoscenico un repertorio vario e dinamico. In entrambe le serate si esibirà la band All Star composta dalla voce di Gennaro Vinaccia, Giulio Castellano alla tastiera, Giuseppe Ruocco alla chitarra, Gianmarco Gargiulo al basso ed Enrico Staiano alla batteria, dopo il tour peninsulare, il concerto del raduno Harley-Davidson di Sorrento e il secondo posto conquistato al Tour Music Fest di Roma, il Festival internazionale della musica emergente. Sul palco anche Kevin Di Stefano, semifinalista del TMF e bassista della seconda band della School of Rock che vede Olimpia Terracciano alla voce, Cristina Cappiello alla chitarra e Francesca Testa alla batteria. A fine manifestazione verranno svelati i nomi degli allievi che si aggiudicano quest’anno l’ambita maglia delle All Star, le borse di studio e gli attestati di merito. Mercoledì 31 maggio sarà invece la volta del laboratorio teatrale Le ali dipinte di Icaro. In scena l’opera ideata e scritta da Enzo Mirone, dal titolo “Re Monnezza”, e gli allievi dei due gruppi di lavoro del Teatro delle Rose.
 

Agricoltura, Paolo Russo (Fi): “Sì del Senato a legge su agrumeti caratteristici. Ora la Camera acceleri”

Paolo Russo
“Più tutele per imprenditori locali e produzioni di qualità in aree a rischio idrogeologico e di pregio”

Napoli - “Una buona notizia per chi per anni, operando in aree a rischio idrogeologico o di particolare pregio paesaggistico, storico ed ambientale e facendolo con tecniche integrate, tradizionali e biologiche, ha subìto la concorrenza sleale di un mercato che non sempre privilegia la qualità”. Così Paolo Russo, deputato di Forza Italia, a margine dell’approvazione, questa sera in Senato, del disegno di legge che prevede particolari disposizioni per la salvaguardia degli agrumeti caratteristici. Il testo torna ora alla Camera per essere definitivamente licenziato dal Parlamento. “Confidiamo in una approvazione lampo già in sede legislativa alla Camera, in Commissione Agricoltura, in modo da accelerare l’iter sino all’entrata in vigore della legge”, sottolinea Russo, che ad aprile 2013 aveva depositato come primo firmatario, proprio alla Camera dei Deputati, un’analoga proposta di legge, poi confluita nel testo unificato approvato nella seduta odierna da Palazzo Madama. “Da oggi i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli della nostra fascia costiera possono iniziare a sentirsi più tutelati, il loro duro lavoro può proseguire con una marcia in più, con la consapevolezza cioè di poter presto contare su regole e tutele certe, in grado di compensare quello spread tra ricavi di vendita e costi di produzione che per anni li ha visti indietro o comunque in affanno nella competizione globale tra prodotti agricoli. E ciò proprio a causa degli elevanti sforzi economici che la gestione di queste colture tipiche e tradizionali richiede”. “Gli agrumeti caratteristici sono infatti tali per le particolari condizioni ambientali e climatiche in cui crescono. Rappresentano dunque un unicum nel nostro Paese, che tuttavia si ritrova massicciamente nelle produzioni campane della Costiera amalfitana, della Penisola sorrentina e delle isole come Procida o Capri.
 

“Un mare di vetro” Presentazione del libro “A Sea of Glass: Searching for the Blaschkas’ Fragile Legacy in an Ocean at Risk” e del film “Fragile Legacy di Drew Harvell”

Napoli - Tornano gli appuntamenti organizzati dal Comitato Scienza e Società presso la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli con l’evento “Un mare di vetro”, durante il quale saranno presentati il libro “A Sea of Glass: Searching for the Blaschkas’ Fragile Legacy in an Ocean at Risk” e il film “Fragile Legacy di Drew Harvell”. L’incontro con l’autrice si terrà presso la Sala Conferenze della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli, giovedì 25 maggio, alle ore 17,00. Il libro e il film documentario, che ha vinto il premio Best Short Film al Blue Ocean Film Festival & Conservation Summit del 2015, raccontano di come Drew Harvell abbia trovato, dimenticato in un deposito della sua università, un manufatto sorprendente: un polpo in vetro, riprodotto nei minimi dettagli anatomici e con straordinaria maestria. L’autrice scoprì così un’intera collezione di creature marine, opera dei maestri vetrai Leopold e Rudolf Blaschka: più di 150 anni prima, padre e figlio erano rimasti affascinati dagli invertebrati marini e avevano deciso di riprodurne le delicate fattezze in vetro. Harvell comprese subito che il loro valore non era solo artistico, ma che essi rappresentavano anche un prezioso documento della vita degli oceani non ancora stravolta da cambiamenti climatici e impatto umano. Ispirata dai fedeli modelli dei Blaschka, la Harvell è partita alla ricerca delle corrispondenti forme viventi, e nel libro “A Sea of Glass” racconta il suo viaggio, portando con sé i lettori alla scoperta di un mondo sottomarino animato dall’insolita biologia di alcune tra le più antiche forme di vita. Seguendola nel suo percorso, assistiamo ai cambiamenti avvenuti negli ultimi cento anni nell’ecosistema marino e impariamo a comprendere come le creature che lo abitano, rappresentate dai modelli dei Blaschka, siano in realtà più fragili del vetro in cui erano state riprodotte. Ad introdurre l’evento saranno: Filippo Barattolo, Università Federico II di Napoli e Graziano Fiorito, Stazione Zoologica Anton Dohrn. Seguirà l’intervento di Drew Harvell, Cornell University, New York. Al termine dell’evento sarà possibile visitare la mostra “La fragilità del mare: Blaschka e la Stazione Zoologica a fine ‘800”.

martedì 23 maggio 2017

Funivia del Monte Faito, chiesta audizione in commissione regionale

Cirillo (M5S): «Doveva essere il fiore all’occhiello per riportare turisti e campani sul Monte Faito». 

Castellammare di Stabia - “Doveva essere il fiore all’occhiello per riportare turisti e campani sul Monte Faito e contemporaneamente valorizzare un luogo dalla bellezza mozzafiato. Invece, la stazione e l’impianto della funivia resta tristemente chiuso per non precisate problematiche burocratiche. Abbiamo depositato una richiesta urgente di audizione in quarta Commissione speciale per comprendere i motivi che impediscono la riapertura della funivia”. Lo dice Luigi Cirillo, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle che ha chiamato in audizione l’assessore ai trasporti, l’Eav, il Genio civile, l’USTIF e il Ministero. “Pare che per problematiche burocratiche la riapertura per questa stagione della Funivia verso il Monte Faito, prevista per inizi di giugno e che ora sembra slittata ai primi di luglio” - spiega Cirillo - “Visti i circa due milioni di euro stanziati per lavori di ammodernamento delle stazioni della funivia, ritardare la riapertura sarebbe un danno soprattutto per tutti i commercianti che hanno creduto e investito per il rilancio turistico del Faito e per tutto il territorio di Castellammare di Stabia”.
 

Pro Loco Vico Equense. I luoghi dei sapori

Abbazia di Crapolla
Domenica 28 maggio ultimo appuntamento 

Vico Equense - l percorsi di conoscenza enogastronomica, del territorio e della sua storia, l’iniziativa promossa dalla Pro Loco di Vico Equense “I luoghi dei sapori”, finisce. Quattro appuntamenti, nelle aziende agricole dove nascono i prodotti della nostra zona. Alta la partecipazione, più di 100 persone ha preso parte all’iniziativa. Visto il successo, gli organizzatori stanno già pensando alla prossima edizione. Un viaggio tra le eccellenze enogastronomiche e le bellezze naturalistiche e storico-paesaggistiche che rendono unico il nostro territorio. L’ ultimo appuntamento è per domenica 28 maggio, ore 10. L’itinerario propone la visita al Convento seicentesco di San Francesco d’Assisi, con passeggiata lungo la via Crucis e arrivo al terrazzo sulla piana di Vico, si proseguirà, verso l’Abbazia di Crapolla a San Salvatore, con visita all’azienda agricola con degustazioni di prodotti tipici. La cantina sorge in una grancia del 1100 della storica abbazia di Massa Lubrense, oggi non più esistente. Il progetto di recupero nasce per volontà di due amici, il medico-anestesista irpino Fulvio Alifano e l’imprenditore campano e velista Giuseppe Puttini, con le rispettive mogli insegnanti Piera e Arianna. Tutto comincia con una grande passione condivisa per il vino e la terra. Nel 2006 e nel 2007 acquistano i terreni da un unico proprietario, piantano le vigne di fiano, falanghina, merlot, pinot nero, moscato e sabato, vitigno autoctono a bacca rossa conosciuto già ai tempi dei Greci e dei Romani. Nel 2010 la prima vendemmia e nel 2011 i primi vini sono messi in commercio. L’azienda produce anche olio extravergine d’oliva, venduto sfuso.

Vico Equense. Si paga il canone ma la Rai non si vede

Vico Equense - Da più di un mese, in parecchie zone del territorio comunale di Vico Equense, non si ricevono più i canali della Rai: nessun segnale del servizio pubblico. I cittadini sono arrabbiati e in tanti sono ricorsi a un tecnico. Molti antennisti sono subissati di chiamate e richieste. Secondo qualcuno c’era in atto una nuova assegnazione delle frequenze. Sta di fatto che i canali di mamma Rai, di una buona parte della città, sono spariti da qualche tempo. Quando si riescono ad avere contatti con Rai, le risposte sono le solite: la prima è che loro sono “a posto”, nel senso che, dati alla mano, hanno la copertura su suolo nazionale al 95 o 98%, la seconda è che è colpa degli antennisti, e la terza, una presa in giro, ti consigliano di avvisare la gente di acquistare un’antenna parabolica. E perché non adeguano loro il segnale? E’ giusto che un servizio pubblico, che è garantito dal pagamento del canone, non funzioni? Oltre al dovere di pagare l'imposta sul possesso di una tv, si debba unire il diritto a poterla vedere quella tv; e questo a Vico Equense non è garantito.

Strage a Manchester, il dolore della comunità di Sorrento

Giuseppe Cuomo 
Sorrento - "Esprimo, a nome della Città di Sorrento, solidarietà e vicinanza al Regno Unito per la nuova, dolorosa ferita inferta dall’attacco terroristico di Manchester. Siamo al fianco del popolo inglese, e condanniamo con forza questa vile aggressione, che ha causato vittime innocenti anche tra bambini e teenager”. Questo il messaggio del sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, inviato all’Ambasciata Britannica a Roma e all’Ambasciata d’Italia a Londra, in relazione alla strage nella Manchester Arena, rivendicata dall’Isis, che ha provocato 22 morti e 59 i feriti.

Uomini e Ferro: Castellammare, la Fabbrica delle Navi

Domani l’apertura della suggestiva mostra sui Cantieri Navali. Dal 24 al 28 maggio alle Antiche terme di Stabia 

Castellammare di Stabia - Sarà aperta domani, 24 maggio 2017, alle ore 18.30, nel salone espositivo delle Antiche Terme di Stabia “Uomini e Ferro: Castellammare, la Fabbrica delle Navi”, mostra fotografica sui Cantieri Navali Stabiesi che si svolge nell’ambito della cinque giorni di iniziative del “Festival Viviani – Premio Viviani”, il progetto didattico, culturale e spettacolare curato da Giulio Baffi, realizzato dalla Fondazione Campania dei Festival in collaborazione con il Comune di Castellammare di Stabia e con il patrocinio dalla Regione Campania. L’esposizione fotografica, curata da Pro Loco Castellammare di Stabia, rappresenta uno dei momenti più significativi di questa prima edizione del Festival dedicato a Raffaele Viviani. Sono 90 le preziosissime immagini provenienti dall’Archivio Parisio Troncone di Napoli e messe a disposizione dall’Azienda di Cura Soggiorno e Turismo di Castellammare di Stabia, che ricostruiscono in sintesi la storia dal 1928 al 1965 del cantiere navale di Castellammare di Stabia, con le raffigurazioni di alcuni tra i più importanti vari, del periodo dei bombardamenti, di suggestive scene di vita sociale e lavorativa delle maestranze, delle inaugurazioni con le personalità dell’epoca. “Si tratta di una mostra-gioiello dalla quale il gradito visitatore non potrà non rimanere piacevolmente e forse anche nostalgicamente stupito” commenta un emozionato Luigi Coppola, dal 2015 alla presidenza della Pro Loco Castellammare di Stabia, che aggiunge anche “sarebbe bellissimo ampliare e trasformare questa esposizione, che oggi rappresenta un “unicum”, in una mostra permanente a Castellammare, magari da allestire in un futuro Museo del Mare”.

“Sentieri di luna”, il questo ed il quello dell'amore

Giovedì ore 18.30 libreria Ubik

Vico Equense - Continuano gli appuntamenti letterari alla libreria Ubik con la presentazione del libro di Domenico Palumbo “Sentieri di luna”, il questo ed il quello dell'amore. Il Questo nelle 'cose d’amore’ lo sanno tutti: l’amore rende folli e la ragione non potrà mai parlarne completamente. Il Quello: l’amore fa nascere l’anima, il noi-due è il suo sentire, ha a che fare con la resurrezione. Seguendo ‘i sentieri’ di una narrazione non completa, fatta di spiegazioni e di poesia, di rimandi letterari e di ammiccamenti, ‘Sentieri di luna’ tenta di rispondere ad una domanda precisa: che cosa significa ‘amare’? “ Il libro vuole dar battaglia ai tre grandi miti del nostro tempo: l’efficienza a tutti i costi, la ricerca del nuovo, il perchè no; e per farlo si interroga sull’amore, ne tenta di cogliere l’essenza, si chiede se è vero che la ragione non può capirlo affatto. In fondo in questo libro, che è scritto come un saggio e che è completato da poesie, mi interrogo sui sentimenti intendendoli come l’essenza propria dell’umano: in un mondo iper-tecnologico che prevede il bilancio tra costi e benefici, parlare d’amore è un atto rivoluzionario, perché vuol dire elogiare l’imperfezione “ .

Ente Parco dei Monti Lattari, lascia Giuseppe Guida

Giuseppe Guida
Vico Equense - Tristano Dello Joio, albergatore originario di Castellammare di Stabia, ma attivo nel salernitano, prende il posto di Giuseppe Guida, al vertice del Parco regionale dei Monti Lattari. Dello Joio, ha ricevuto l'incarico attraverso una delibera della giunta regionale, che gli conferisce la presidenza dell'Ente Parco dei Monti Lattari per i prossimi tre anni. A sponsorizzare Tristano Dello Joio sono stati il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola e, in particolar modo, il governatore Vincenzo De Luca, di cui l'imprenditore stabiese è un importante referente sul territorio. Dello Joio va al posto di Giuseppe Guida, originario di Vico Equense, che per oltre un decennio ha ricoperto l'incarico. Istituito con Decreto Presidenziale della Giunta Regionale della Campania n. 781 del 13 novembre del 2003, il parco interessa il territorio di 27 comuni della penisola, dall'entroterra alla zona costiera.

Salvaguardia delle coste, 33mila euro a Vico Equense

Giuseppe Tito
Meta - A breve partiranno dei lavori di manutenzione di tratti di costa della penisola sorrentina. A comunicarlo, sul proprio profilo facebook è il consigliere metropolitano Giuseppe Tito, con delega alle marine e alla salvaguardia delle fasce costiere. I lavori di manutenzione sono i seguenti: scogliera antistante località Scrajo a Vico Equense per € 33.000. Manutenzione del ripascimento dell' arenile di Riviera Massa a Sorrento per € 25.000. Pulizia e disgaggio costone in località Parco dei Principi sempre a Sorrento per un importo di € 55.000. Nella maggior parte dei casi si tratta di interventi in situazioni di immediata criticità; di completamento o riparazione ed integrazione di opere già esistenti; di interventi in situazioni di somma urgenza anche per salvaguardare la pubblica incolumità, il tutto senza alterare lo stato dei luoghi soprattutto dal punto di vista paesaggistico ed ambientale. "Ancora una volta fatti, non chiacchiere", il commento di Tito.

Arpac: "Il mare è eccellente"

Penisola sorrentina - Buone notizie per il mare della penisola. I prelievi dei campioni sono stati eseguiti tra il 15 ed il 17 maggio nei diversi punti della linea di costa della penisola sorrentina. Successivamente i laboratori dell'Arpac hanno eseguito le analisi per poi diffondere i risultati: il mare dei sei Comuni della costiera è di eccellente qualità. tecnici dell'Agenzia regionale hanno verificato sia i valori delle forme batteriche (escherichia coli ed enterococchi intestinali), che la presenza di schiuma, mucillagine, meduse, rifiuti solidi, residui bituminosi o idrocarburi ed hanno appurato che nessuno di questi fattori inquinanti è presente nelle acque tra Vico Equense e Massa Lubrense. In sostanza si tratta di risultati che confermano quelli dei primi controlli della stagione effettuati a metà aprile.

Lavori a rilento, la Funivia del Faito non aprirà prima di luglio

La scadenza fissata per giugno non potrà essere rispettata. L'anno scorso fu boom da aprile 

Fonte: Fiorangela d'Amora da Il Mattino 

Castellammare di Stabia - Slitta a dopo giugno l'apertura della funivia del Faito, la storica «panarella» che in otto minuti arriva da Castellammare a mille metri dal livello del mare. I lavori di adeguamento dell'impianto alle normative antìsismiche e per l'eliminazione delle barriere architettoniche sono cominciati in ritardo rispetto al previsto; poi una variante di progetto ha fermato il cantiere che solo pochi giorni fa ha ripreso le attività, dopo il sì del Genio Civile. La funivia ha chiuso il 24 settembre 2016 e avrebbe dovuto riprendere le corse ad aprile. Se andrà tutto bene, l'appuntamento è rinviato a luglio e si tratterà comunque di un'apertura parziale, perché le impalcature nelle due stazioni di Castellammare e del Faito non saranno smontate. «Dopo il successo dello scorso anno, la mancata apertura per la primavera 2017 è un clamoroso autogol commenta con amarezza Danilo Somma, albergatore del Faito - quello che personalmente mi fa più rabbia è la mancanza di informazioni, tanto a noi operatori turistici quanto ai tanti turisti che arrivano fino Castellammare per poi capire che la stazione è chiusa». La piccola comunità che lavora e vive sulla montagna, dopo anni di abbandono aveva conosciuto la scorsa estate una ripresa proprio grazie alla riapertura della funivia. Un trend positivo interrotto dai lavori, necessari per il futuro dell' impianto, ma che per ora stanno penalizzando l’ attività di ristoranti, bar e hotel. Pensa positivo invece Dario Russo della Pro Faito, la sua associazione ha preso in affitto lo scorso anno dei locali dell'Eav adiacenti alla stazione in quota dove è stato realizzato un infopoint per i turisti.
 

La penisola sorrentina unita contro il bullismo

Un progetto dedicato a questa piaga sociale dei giorni nostri, con grande attenzione rivolta al fenomeno su internet. In campo il Piano di Zona, il comune di Meta, la scuola Buonocore - Fienga e la coop i Sogni di Sorrento 

Penisola sorrentina - Una serie di giornate dedicate al grave problema del bullismo e del cyberbullismo. In penisola sorrentina è partito un progetto con in campo il Piano di Zona Na 33, la Cooperativa "Oltre i Sogni di Sorrento" , il Comune di Meta e l’I.C.S. “M.Buonocore-A.Fienga”. Le attività si inseriscono all’interno delle azioni proposte dall’Atelier Creativo della Scuola di Meta e del Programma Scuola Viva POR finanziato dalla Regione Campania. Gia' ci sono stati una serie di eventi contro il cyberbullismo e bullismo. Gli incontri si svolgono presso l’ICS Buonocore Fienga di Meta, una scuola dove “sensibilità, accoglienza e premura-cura” sono filo conduttore di un agire quotidiano. Attività di prevenzione e sensibilizzazione “Non più Bulli e Cyberbulli istruzioni x l’uso” per l’uso consapevole della Rete da parte degli alunni e per dare la giusta informazione-formazione agli operatori della scuola, alle famiglie e alle Istituzioni sul ruolo attivo e responsabile di ciascuno. L’interesse percepito è stato notevole ed a conclusione di tutte le avvincenti proposte è stata organizzata una giornata sulla legalità e l’incontro pubblico “la Regione Campania approva la prima Legge contro Bullismo e Cyberbullismo”.
 

Sergio Saggese per la rassegna LibriAmo con “Il cielo addosso”

Meta - Organizzata dall’associazione culturale Sfumature in Equilibrio, con il patrocinio del Comune di Meta e il supporto dell’assessore alla cultura Biancamaria Balzano, la rassegna letteraria LibriAmo presenta un nuovo appuntamento con lo scrittore partenopeo Sergio Saggese e il suo ultimo libro “ Il cielo addosso ”, edito dalla Iemme. L’evento si terrà venerdì 26 maggio 2017 presso il salotto culturale dell’associazione in via Tommaso Astarita n.50 (Meta), a partire dalle ore 19:30. La presentazione sarà condotta dall’Avv. Mariolina Costagliola e dalla collaboratrice Angie Cafiero; l’incontro sarà intervallato da momenti musicali a cura del M° Luisa Esposito. Seguirà un rinfresco a cura della pizzeria-trattoria “ Mazz & Panell ”, sita in piazza “Mulino” (Meta). “Il cielo addosso” è una raccolta di 32 racconti, alcuni brevi, altri più corposi, ma tutti legati da un comun denominatore: il cielo. A volte azzurro, a volte “pesante”, quasi sempre metaforico, ma pur sempre presente, una costante che accompagna le storie e le vite dei personaggi. Sergio Saggese ha così condotto un’indagine sull’umanità e sui suoi molteplici aspetti, sulle contraddizioni e sulle emozioni umane; una lente di in gradimento sul quotidiano per tirare fuori verità nascoste e il profondo dell’essere umano. Le parole si susseguono, talvolta poeticamente, per accompagnare il lettore fra storie e persone diverse, ma pur sempre collegate. “La nostra è una mostruosa collettività. E in questa mostruosa collettività alcuni si portano il peso della sorte comune. Molti in quel peso ci vivono. Vivono dentro quel peso e sotto di esso e non sanno come descriverlo. Per essi è più facile viverlo che raccontarlo. Si sentono il peso del cielo addosso, e quel cielo porta il carico fisico e morale dell’intera umanità. Tuttavia c’è tra i tanti qualcuno che sente di avere un qualche piccolo privilegio, qualche strumento in più, la parola, e il beneficio di riuscire a fantasticare e a raccontare la propria condizione e la propria piccola porzione di realtà. Una piccola porzione di realtà che riesce a possedere e a far conoscere agli altri. Qualcuno che più che un peso, quel cielo sopra la sua testa lo vive come un accento e sente, per questo, di avere la possibilità di esprimere tutto quanto sa di se stesso”.

Eventi. “Il Grand Food” di Elisabetta Donadono fa tappa a Sorrento

Giovedì 25 maggio, alle ore 19 e trenta, la presentazione del libro al ristorante Acqu’ e Sale di Sorrento

Sorrento - Sarà la giornalista Elisabetta Donadono, autrice del libro “Il Grand Food. L’arte mangiata. Percorsi di gastronomia artistica in Campania”, edito da Homo Scrivens, l’ospite del nuovo appuntamento con la rassegna “L’Appetito vien leggendo”, in programma per giovedì 25 maggio, alle ore 19 e trenta, al ristorante Acqu’ e Sale di Sorrento, il locale dello chef pizzaiolo Antonino Esposito. L’evento, ad ingresso libero, organizzato in collaborazione con la libreria Tasso, sarà condotto da Carlo Alfaro, con interventi di Luigi D’Alise. Al termine della presentazione del libro, per chi vorrà partecipare, seguirà una cena con menù degustazione, al costo di 20 euro. Lo scrittore Maurizio De Giovanni, che firma la prefazione de Il Grand Food, lo definisce “piccolo straordinario libro, passaporto per un viaggio indimenticabile”. La pubblicazione propone infatti un tour in quaranta luoghi: quaranta ricette e quaranta percorsi di gastronomia artistica in Campania, alla scoperta del Dna archeologico, artistico e monumentale della regione. Da Cuma al Cilento, dal cuore di Napoli all'entroterra casertano, beneventano, avellinese e sino al mare delle due costiere, il libro conduce alle oasi culinarie già suggerite da Apicio o Ippolito Cavalcanti, per godere di profumi e sapori: dal sartù di riso alle cipolle ripiene, dal sale al pane, dall'olio extravergine di oliva al vino, in una “caccia” ai grandi luoghi e ai grandi cibi. Una guida non tradizionale, in versione di cronaca culturale condita da un po' di fantasia, ma anche un tour di gastronomia artistica, con un viaggiatore speciale, che si rivela soltanto alla fine e che ha una insaziabile fame di conoscenza per la bellezza di territori come Napoli e la Campania. Elisabetta Donadono, napoletana, giornalista e comunicatrice pubblica, si occupa di informazione culturale. Fondatrice di napolipost.com, giornale online delle buone notizie, cura reportage nel settore dei beni culturali, e della gastronomia.

Raffaele Viviani a scuola

Il 23 maggio l’ IIS Ferrari titolerà a Raffaele Viviani la sua principale sala didattica Nell’ambito dei Cantieri Viviani – Premio Viviani 2017” iniziativa della Regione Campania coordinata da Giulio Baffi e realizzata dalla Fondazione Campania dei Festival 

Castellammare di Stabia - Molteplici le iniziative dedicate a Raffaele Viviani nelle scuole, di ogni ordine e grado, di Castellammare di Stabia. Si inizia martedì 23 maggio quando, alle ore 15, l’ IIS Ferrari titolerà a Raffaele Viviani la sua principale sala didattica, e si proseguirà nei giorni seguenti con gli incontri e gli esiti dei laboratori di “Cantieri Viviani”, programmati alle Antiche Terme di Stabia, tra il 24 ed il 28 maggio, nell’ambito del Festival Viviani – Premio Viviani. Un’iniziativa sostenuta dalla Regione Campania, curata da Giulio Baffi e realizzata dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello, con la collaborazione del Comune di Castellammare di Stabia e Le Nuvole. “Occorreva partire dai giovani, anzi dai giovanissimi - sottolinea Antonia Lezza, coordinatrice del progetto didattico dei “Cantieri”– per dedicare al grande Viviani l’attenzione che merita”.
 

Manchester, Alfano: “Attacco vile, non abbassare mai la guardia"

Gioacchino Alfano
Un attacco terroristico ha colpito il Regno Unito nella notte. E' di almeno 22 morti e 59 feriti il bilancio dell'esplosione alla Manchester Arena ieri sera. Inizialmente si è pensato ad un ordigno ma poco fa l’Ansa ha confermato che un kamikaze si è fatto esplodere provocando la strage. La Bbc riferisce di vittime giovanissime e presumibilmente anche di bambini. Ci sarebbero anche dispersi. "Attacco vile, non abbassare mai la guardia." Così il Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano, dopo l'attentato. "Esprimo condoglianze al popolo britannico per il vile attacco terroristico. Hanno voluto colpire - aggiunge Gioacchino Alfano - un luogo di divertimento, un concerto dove vi erano famiglie e tanti ragazzi giovanissimi. Un attacco - conclude il Sottosegretario - che ci ricorda di non abbassare mai la guardia. Esprimo vicinanza alle famiglie delle vittime e dei feriti." L'attentato, il più grave sul suolo britannico dai tempi dei fatti del 2005, si verifica nel pieno della campagna elettorale per il voto dell'8 giugno.

Massa Lubrense. Globalismo Affettivo, si conclude il progetto

Massa Lubrense - Giovedì 25 maggio alle ore 17.30 a Sant' Agata sui due Golfi presso l’Istituto Comprensivo Pulcarelli, si terrà la manifestazione conclusiva dell’innovativo Progetto sul Globalismo Affettivo. Si tratta di un metodo di avvio alla lettura e scrittura, ideato ed elaborato dal Maestro barese Vito De Lillo e validato dall'Università degli Studi di Bari e dalla Clinica Universitaria di Neuropischiatria infantile del Policlinico di Bari, che avvia i bambini di quattro anni, in pochissimo tempo, all’ esperienza dell’alfabetizzazione e alla produzione delle prime parole sviluppando, nel contempo, tutti i canali senso- percettivi ed intellettivi del bambino. Il percorso prevede una sinergia metodologica tra dimensione fantastica e dimensione digitale del fare scuola e si avvale anche di un supporto multimediale interattivo creato ad hoc dall’ autore per rinforzare l’apprendimento. Adottato, per la prima volta, in Campania, dalla attuale Dirigente Scolastica dell’istituto Pulcarelli, professoressa Rita Parlato nel 2015 a Positano, dove tuttora il progetto sta proseguendo. Il progetto è stato attenzionato dall’Indire, l’Istituto Nazionale Documentazione Innovazione e Ricerca Educativa. Attualmente il Metodo è stato introdotto a Massa Lubrense dove le insegnanti della scuola dell’infanzia dei plessi di S.Agata, Pastena e Torca lo hanno sperimentato con i bambini.

lunedì 22 maggio 2017

Inizia il Festival Viviani

Incontri, mostre, concerti e spettacoli, per il progetto “Cantieri Viviani” sostenuto dalla Regione Campania, curato da Giulio Baffi e realizzato dalla Fondazione Campania dei Festival con la collaborazione del Comune di Castellammare di Stabia 

Castellammare di Stabia - Raffaele Viviani e il suo grande universo di musica e teatro sarà protagonista a Castellammare di Stabia, dal 24 al 28 maggio 2017, della prima edizione del “Festival Viviani”. Nel bellissimo spazio del Parco delle Antiche Terme di Stabia si svolgeranno le cinque giornate, tra incontri, mostre, concerti e spettacoli, che chiuderanno il primo percorso dei “Cantieri Viviani”, un progetto didattico, culturale e spettacolare, sostenuto dalla Regione Campania, curato da Giulio Baffi e realizzato dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello, con la collaborazione del Comune di Castellammare di Stabia e Le Nuvole. Prosa, musica, video, design, fotografia, letture, incontri in campo per declinare il genio di Raffaele Viviani secondo gli umori e le differenze del nostro tempo. Il programma delle giornate del primo “Festival Viviani” inizia mercoledì 24 con la prima nazionale (alle ore 20.30, replica il 25 maggio) dello spettacolo “La figliata” di Raffaele Viviani messo in scena per la regia di Nello Mascia. Il testo propone una sintesi efficacissima della poetica di Viviani accogliendo gli elementi più significativi della sua straordinaria drammaturgia. In scena, con Mascia nel ruolo del protagonista, ci sono Priscilla Avolio, Maria Basile Scarpetta, Cloris Brosca, Paola Cannatello, Antonella Cioli, Rosaria De Cicco, Valentina Elia, Franco Iavarone, Giuseppe Marramao, Nello Mascia, Roberto Mascia, Giovanni Mauriello, Matteo Mauriello, Marianna Mercurio, Ciccio Merolla, Gennaro Monti, Ciro Olimpio, Francesco Paolantoni.
 

Sanità, superati i ritardi sul fascicolo elettronico

Meeting Cnr a Sorrento: da Regione finalmente il piano operativo 

Sorrento – «Finalmente, la Regione Campania si sta dotando di un piano di spiegamento del fascicolo sanitario elettronico, sia a livello legislativo che organizzativo-strutturale, che dovrebbe portare alla sua realizzazione e a recuperare il tempo perduto». Lo annuncia Giuseppe De Pietro, direttore Icar-Cnr, nel corso dell’evento «Fascicolo sanitario elettronico: realizzazioni operative e scenari futuri», tenutosi questa mattina presso l'«Hilton Sorrento Palace» di Sorrento. «La Campania è rimasta un po’ indietro – aggiunge – ma negli ultimi mesi c’è stata a più livelli una maggiore consapevolezza sull’importanza di uno strumento che avrà enorme impatto sulla qualità della cura, sull’ottimizzazione delle prestazioni e sulla riduzione delle spese del comparto sanitario». Il Consiglio nazionale delle ricerche, attraverso gli istituti «Icar» e «Iit», è da più anni impegnato in attività di ricerca e supporto alle istituzioni per la realizzazione del fascicolo sanitario elettronico e, più in generale, per la sanità digitale. In particolare, negli ultimi due anni, il Cnr è al fianco dell’Agenzia per l’Italia digitale, del Ministero della Salute e del Ministero per lo Sviluppo economico quale supporto tecnico per le attività di interoperabilità delle soluzioni regionali di fascicolo. «Diciassette Regioni stanno già attivando il fascicolo mentre Campania, Calabria e Sicilia hanno riscontrato una fase di difficoltà che è stata superata – spiega invece Roberto Guarasci, responsabile Iit-Cnr – dall’intervento del ministero dell’Economia e delle Finanze in funzione suppletiva per realizzare il fascicolo per conto delle tre Regioni».
 

Sanzioni e oneri da versare, mancano 50mila euro

Comune di Vico Equense
Vico Equense - Sanzioni e oneri da versare, il Comune chiude la prima fase di accertamenti. Stando al conteggio dell’ufficio urbanistica, al momento mancano 50mila 587 euro. Nel dettaglio, 15mila 452,35 per gli oneri concessori, 10mila 304,06 per oneri oblativi (di cui il 50 per cento deve essere versato proprio all’ente) e 24mila 831,11 a titolo di indennità risarcitorie e sanzioni ambientali. Le pratiche al centro delle verifiche sono quelle dei condoni 1985 e 1994. Su buona parte dei titoli in sanatoria rilasciati dal Comune già c’erano state ordinanze di ingiunzione. E i destinatari “non hanno provveduto al pagamento di quanto dovuto né hanno proposto istanza di opposizione”. Crediti esigibili che sono stati già inseriti nel bilancio di previsione 2017 approvato dal Consiglio comunale qualche settimana fa e che dovranno essere riscossi. Intanto, per accelerare i procedimenti sulle pratiche edilizie l’amministrazione comunale intende fornire rinforzi agli uffici. Circa 3500 le pratiche ancora da esaminare.

Social World Film Festival. Online il bando per l'iscrizione di film, documentari e corti

Vico Equense - Online il bando per partecipare alle nove sezioni, competitive e non, della settima edizione della Mostra Internazionale del Cinema Sociale "Social World Film Festival": tanti modi per raccontare il cinema sociale... La Mostra internazionale del Cinema Sociale “Social World Film Festival” è l’unico festival cinematografico al mondo a dare spazio e visibilità a tutte le opere iscritte grazie alla speciale sezione “Mercato”, a prescindere dalla selezione che viene effettuata per le sezioni competitive e non competitive le cui opere sono proiettate e/o presentate in appositi eventi organizzati durante la settima edizione che si tiene dal 23 al 30 luglio 2017 a Vico Equense. Da quest'anno anche un premio in denaro di 3.000,00 euro che consiste in un contratto di acquisto dei diritti da parte di Rai Cinema con visibilità su www.raicinemachannel.it e sui suoi siti partner! La partecipazione alla Mostra internazionale del Cinema Sociale “Social World Film Festival” offre, ad alcune opere appositamente selezionate, l’esclusiva possibilità di partecipare agli eventi internazionali che in soli sette anni hanno coinvolto ventisei città dei cinque continenti tra cui Los Angeles, New York, Rio de Janeiro, Vienna, Washington DC, Seoul, Busan, Berlino, Barcellona, Amsterdam, Cannes, MonteCarlo, Parigi, Istanbul, San Francisco, Tokyo, Sydney, Marsiglia, Palma, Tunisi, Hong Kong, Jakarta.

Falcone, 70mila studenti Palermo non dimentica

Venticinque anni fa l'attentato di Capaci. Un'app da Pomigliano 

Fonte: Il Mattino 

Un unico coro, un'unica voce per dire «no» a tutte le mafie. Domani, secondo gli organizzatori, 70.000 studentesse e studenti saranno protagonisti di #PalermoChiamaItalia, l'iniziativa organizzata dalla Fondazione Falcone e dal ministero dell'Istruzione per la commemorazione delle stragi di Capaci e via D'Amelio m cui hanno perso la vita, venticinque anni fa, i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Claudio Traina. Dal 2015 la manifestazione organizzata m occasione del 23 maggio, prima concentrata a Palermo, è stata estesa a tutto il Paese, attraverso le «Piazze della Legalità», spazi dedicati al dibattito e alle testimonianze, che quest'anno saranno in nove città: Milano, Teramo, Roma, Poggia, Bari, Trieste, Gorizia, Napoli, Vibo Valentia. La nave della legalità salperà oggi pomeriggio da Civitavecchia per approdare a Palermo la mattina di martedì. Nel tragitto oltre un migliaio di ragazzi incontreranno le istituzioni e si confronteranno sull'educazione alla cittadinanza e sull'eredità di Falcone e Borsellino.
 

Galleria di Santa Maria di Pozzano, nuovo incontro in prefettura

Ancora non c’è l’ok per il passaggio dei tir scarichi 

Vico Equense - L’Anas e il Comune di Vico Equense si sono incontrati – giovedì scorso - in Prefettura a Napoli. La società che si occupa della gestione e manutenzione delle strade ha incaricato uno studio tecnico, per comparare i rischi del passaggio degli automezzi, che hanno scaricato merci pericolose e infiammabili, all’interno del tunnel, adesso vietato, e quello di transito nel centro abitato di Vico Equense. In quella sede è stato presentato lo studio, redatto dall’Ingegner Alessandro Focaracci della società Prometeo Engineering srl. “I risultati dell’analisi, – dice Focaracci – mostrano come il rischio connesso con il passaggio dei veicoli pesanti all’interno della galleria sia sensibilmente più elevato di quello connesso con il passaggio delle stesse merci pericolose all’interno del comune di Vico Equense. La differenza – pone l’accento, l’Ingegner Focaracci – tra le due configurazioni è difatti di due ordini di grandezza, di conseguenza il transito di merci pericolose all’interno del tunnel comporterebbe un peggioramento delle condizioni di sicurezza per la collettività. Al fine di ridurre le criticità riguardanti i volumi di traffico, lamentate dal Comune di Vico Equense, le Autorità proposte potrebbero però consentire il transito in galleria ai veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose, “vuoti”, quindi in direzione Napoli. A proposito dell’evento che tali veicoli potrebbero generare, in altre parole l’esplosione, le analisi condotte hanno mostrato che, per quanto molto basso, il rischio associato al suddetto evento è maggiore per il centro abitato di Vico Equense rispetto alla galleria Santa Maria di Pozzano.” I vigili del fuoco, tuttavia, hanno avuto da ridire, secondo loro i mezzi, prima di immettersi in galleria, seppur scarichi, hanno bisogno di una bonifica. Per questo il Comune di Vico Equense ha lasciato il tavolo, nell’attesa di una nuova convocazione che dovrebbe esserci a giorni. Nel caso in cui non si trovasse una soluzione, al passaggio dei mezzi vuoti nel tunnel, il Comune di Vico Equense è pronto a varare un'ordinanza per vietarne il passaggio nel centro cittadino.

Migranti il prefetto convoca la penisola sorrentina

Vico Equense - Il prefetto di Napoli Carmela Pagano, ha convocato per domani pomeriggio, 23 maggio, i Sindaci della penisola sorrentina per definire, tempi, progetto e modi di accoglienza dei migranti. E’ tempo ormai di dare ospitalità a chi fugge da guerre e fame. La penisola sorrentina ha chiesto di essere considerata un territorio unico, e stando alle previsioni dovrebbe ospitarne 240. Un progetto unico, una rete di sei comuni, una sola voce che con l’aiuto dell’Arcidiocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia, e della Caritas diocesana, proporrà al Prefetto una soluzione consortile. I Comuni non hanno immobili e strutture libere nelle quali ospitare i rifugiati politici, per questo motivo il coinvolgimento della Curia è fondamentale. Rispetto ad un paio di mesi fa, la situazione è cambiata. Le amministrazioni, seppur non abbiano aderito allo Sprar e dunque governano con l’incubo di un’apertura sul territorio di un Cas (centro di accoglienza straordinario), hanno ormai capito che non possono permettersi di alzare ancora le barricate. Stando alle indiscrezioni trapelate da Napoli, c’è disponibilità a promuovere il piano condiviso dei sei Comuni della penisola sorrentina. Anche perché coinvolgere la Curia, secondo le impressioni dei funzionari prefettizi, significa essere certi di proporre un programma efficiente.

Presentazioni romanzo di Lauro su Don Alfonso, le date

Raffaele Lauro
A Vico Equense martedì 25 luglio

Le quattro principali location del romanzo, "Don Alfonso 1890 - Salvatore Di Giacomo e Sant'Agata sui Due Golfi" di Raffaele Lauro (www.raffaelelauro.it) ospiteranno, in anteprima nazionale, la presentazione della nuova opera, con il Patrocinio delle Amministrazioni Comunali e la partecipazione dei Sindaci: Lorenzo Balducelli, Giuseppe Cuomo, Andrea Buonocore e Luca Mascolo. Ospite d'Onore: don Alfonso Iaccarino. A Sant'Agata sui Due Golfi, la manifestazione-evento si terrà presso il celebre ristorante, Don Alfonso 1890, lunedì 10 luglio, alle ore 19.00; a Sorrento, nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale, sabato 15 luglio, alle ore 18.00: a Vico Equense, nell'ambito del Social World Film Festival, sul Sagrato della Chiesa della SS. Annunziata (ex-Cattedrale), martedì 25 luglio, alle ore 19.30; ad Agerola, nella Corte degli Dei di Palazzo Acampora, sabato 29 luglio, alle ore 18.00.

Piantagioni di `erba`, elicotteri in azione

I clan si preparano a raccogliere la droga destinata a finire sui mercati illeciti della Campania 

Fonte: Antonio De Simone da Le Cronache di Napoli 

Castellammare di Stabia - Il tempo della raccolta è cominciato. Dopo settimane dedicate alla semina di marijuana sul Faito e sulle montagne dei Lattari, i clan camorristici si preparano a raccogliere la droga che, a partire dal prossimo mese di giugno, sarà poi destinata a finire sui mercati illeciti dell'intera Campania. Sale cosi il livello di attenzione delle forze dell'ordine. Già ad inizio maggio, del resto, gli elicotteri di carabinieri e corpo forestale hanno perlustrato l'area compresa tra Castellammare e Gragnano. L'obiettivo? Individuare i punti dei sentieri coltivati a marijuana. I primi voli di ricognizione delle forze dell'ordine hanno così interessato l'area denominata 'Giamaica italiana". Diversi elicotteri dei carabinieri, partendo dalla base nello stadio San Michele di Gragnano, hanno monitorato tutta la zona collinare. Proprio lì infatti, tra boschi incontaminati e selvaggi, i clan di camorra da anni coltivano il loro "oro verde", la canapa indiana. Il tempo della semina, secondo gli inquirenti, è ormai finito. Da giugno ad ottobre si attendono i frutti. La marijuana, infatti, è uno dei principali business dei narcotrafficanti della camorra stabiese. Prodotta praticamente a costo zero, una volta nelle piazze di spaccio porta nelle casse della camorra circa mille euro a pianta.
 

Nel nuovo romanzo di Raffaele Lauro una galleria di personaggi importanti

di Luigi Poi 

Massa Lubrense - Questo nuovo romanzo di Raffaele Lauro, “Don Alfonso 1890 - Salvatore Di Giacomo e Sant’Agata sui Due Golfi”, mi tocca molto per diverse ragioni: l’antica e ricambiata amicizia che mi lega all’Autore, vicino affettivamente alla nostra comunità santagatese, risalente agli anni scolastici; una rinnovata ed entusiastica rappresentazione delle bellezze naturalistiche del nostro paese, dopo i preziosi riferimenti storici presenti in un precedente romanzo, “Sorrento The Romance”; la descrizione puntuale dell’evoluzione, sociale ed economica, di Sant’Agata sui Due Golfi, negli ultimi due secoli; la ricostruzione, appassionata e corretta, della storia imprenditoriale della mia famiglia, a partire dal fondatore, il mio nonno materno, don Alfonso Costanzo Iaccarino; il cenno affettuoso all’intraprendenza alberghiera di mia madre Anna e, non da ultimo, la celebrazione ammirata del successo professionale di mio cugino, lo chef don Alfonso Iaccarino, collaborato, in maniera straordinaria, dalla moglie Livia e dai figli, Ernesto e Mario, dei riconoscimenti internazionali conseguiti e del loro gioiello, il Don Alfonso 1890, appartenente, ormai, di diritto, al gotha della ristorazione mondiale. Voglio dire pubblicamente grazie a Raffaele per come ha saputo, con passione, con coerenza e, se mi è consentito, con amore, dapprima a livello istituzionale e politico, poi a livello culturale, esaltare, consacrare e difendere i nostri valori, i valori di una civiltà antica, che affonda le sue radici nei fondamenti greco-romani dell’Occidente, e di una civiltà contemporanea, collegata all’attività turistica, fatta di arte dell’accoglienza dei nostri ospiti e di responsabile tutela delle nostre risorse, naturali e storiche. Questo libro non costituisce un piccolo saggio su Sant’Agata sui Due Golfi, ma un imponente romanzo, frutto anche di invenzione narrativa, storicamente fondata. Per questo dovrà essere non solo letto, anche a livello scolastico, ma diffuso e custodito, negli anni a venire, come una prova, ben riuscita, della volontà di strappare, all’oblio del tempo, la storia di persone eccezionali, come mio nonno e i miei cugini, che molto hanno dato e molto continuano a dare alla loro terra di origine, creando opportunità, cultura e lavoro, per tutti, senza rinchiudersi in sterili egoismi o compiaciute autoreferenzialità.
 

domenica 21 maggio 2017

Droga e tossicodipendenze, un problema di cui non si parla mai abbastanza

Vico Equense - Pare, almeno così riporta la stampa locale, che il problema droga a Vico Equense non sia devastante. Eppure la droga c’è, come l’alcol, due mali dal forte impatto sociale di cui però si preferisce non parlare. Chi ne è colpito se la veda da solo, perché alla fine l’ha voluto lui. L’età di approccio alle droghe si abbassa sempre di più. E dall’eroina o dalla cocaina si è passati ad altre sostanze, più facili da trovare: l’alcol, ad esempio, oppure le pasticche, gli psicofarmaci. Rispetto a questi temi l’obbligo morale di ciascuno deve essere la prevenzione. I controlli servono per scoraggiare comportamenti aggressivi, ma bisogna anche promuovere la diffusione di una cultura contro l'uso e abuso di droghe, mediante l'utilizzo di campagne di informazione sugli effetti deleteri derivanti dall'uso di qualsiasi sostanza stupefacente al fine di debellare o ridurre il tasso di utilizzo delle droghe. Organizzare conferenze, seminari, convegni, incontri, dibattiti o altre attività per le scuole.

Angela Celentano, i familiari sperano ancora: spunta l'ipotesi ricompensa

Maria e Catello Celentano
La famiglia Celentano è disposta a tutto pur di ritrovarla

Vico Equense - Non si ferma la ricerca di Angela Celentano, dopo la delusione per la scoperta della falsa pista messicana e della foto della finta Celeste Ruiz trafugata a Brissia, una psicologa messicana trapiantata in Francia. Nel corso dell'ultima puntata di Quarto Grado, andata in onda il 19 maggio 2017, Catello Celentano ha detto: "Si spegne una pista che abbiamo coltivato per 7 anni. Poteva essere quella giusta. Ma io e Maria ci diciamo sempre: 'Non è questa... sarà la prossima'. Non smettiamo mai di cercare, non ci fermiamo mai. La delusione è stata tanta, perché c'era una forte somiglianza con Angela. Il nostro obiettivo era trovare la ragazza e farle il Dna. Purtroppo è finita..." Su una possibile taglia in Italia, come è stato fatto in Messico: “In Italia non è possibile parlare di tagli", possiamo parlare di ricompensa. Trovare qualcuno che ci possa fare da sponsor per una ricompensa per chiunque ci possa dare notizie certe, vere: stiamo lavorando per questo”.

Raffaele Viviani a scuola

A Castellammare di Stabia un percorso didattico per la diffusione dell’opera dell’autore coinvolge centinaia di studenti di ogni ordine e grado

Castellammare di Stabia - Molteplici le iniziative dedicate a Raffaele Viviani nelle scuole, di ogni ordine e grado, di Castellammare di Stabia. Si inizia martedì 23 maggio quando, alle ore 15, l’ IIS Ferrari titolerà a Raffaele Viviani la sua principale sala didattica, e si proseguirà nei giorni seguenti con gli incontri e gli esiti dei laboratori di “Cantieri Viviani”, programmati alle Antiche Terme di Stabia, tra il 24 ed il 28 maggio, nell’ambito del Festival Viviani – Premio Viviani. Un’iniziativa sostenuta dalla Regione Campania, curata da Giulio Baffi e realizzata dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello, con la collaborazione del Comune di Castellammare di Stabia e Le Nuvole. “Occorreva partire dai giovani, anzi dai giovanissimi - sottolinea Antonia Lezza, coordinatrice del progetto didattico dei “Cantieri”– per dedicare al grande Viviani l’attenzione che merita”. Così, dallo scorso mese di marzo, nelle scuole di Castellammare di Stabia, a partire dall’Istituto Comprensivo Statale Di Capua, fino al Liceo Classico Plinio Seniore, passando per la Scuola Materna Primaria Basilio Cecchi, l’Istituto Comprensivo 2 Panzini, la Scuola Media Statale Stabiae, l’Istituto Tecnico Statale Renato Elia, l’IPSSEOA Raffaele Viviani, fino al citato IIS Enzo Ferrari, centinaia di studenti si sono avvicinati, ciascuno secondo le proprie specificità nell’indirizzo dei relativi studi all’opera del grande concittadino.