mercoledì 17 gennaio 2018

ITN "Nino Bixio" Piano di Sorrento: Open Day 2018 - VIDEO

Fondi a pioggia. Show del sindaco: “Zero chiacchiere”

Giuseppe Tito
Fonte: Salvatore Dare da Metropolis

Meta - Mentre sogna di poter conquistare una candidatura alla Camera dei Deputati, continua a imperversare sui social network per i finanziamenti ottenuti alla Città Metropolitana di Napoli. Il “sindaco del popolo” di Meta Giuseppe Tito ormai ci ha preso gusto: a ogni risultato raggiunto scatta subito il post sui social con tanti messaggi tra le righe rivolti anche ai propri avversari. L'ultimo della serie risale a ieri. Anzi, risalgono, visto che i progetti a cui Tito ha lavorato nella qualità di consigliere metropolitano del PD delegato anche alle coste sono due. Il primo: la consegna di arredi per il liceo Salvemini di Sorrento, il liceo Marone di Meta e l'Istituto Tecnico Nautico Nino Bixio di Piano di Sorrento. “Ancora fatti e non parole” il commento di Tito allegato alla fotografia della determina di rito di un altro obiettivo raggiunto. Ovvero: la pubblicazione dei lavori di rifacimento dell'impianto di illuminazione pubblica a Sant'Agnello in località Colli di Fontanelle. E’uno dei progetti tanto cari al sindaco di Sant'Agnello Piergiorgio Sagristani che alcuni mesi fa, quando si trattò di votare l'ok del consiglio metropolitano all'intervento che venne posticipato a causa dell'assenza del numero legale in aula, non fece fatica a far notare il fatto che neppure Tito era presente nella seduta nella quale si sarebbe dovuto concedere il benestare all'intera operazione.
 

Il risiko dei partiti oggi le decisioni

Direzione Pd su deroghe e tavolo del centrodestra 

Fonte: Adolfo Pappalardo da Il Mattino

Il giorno cruciale, o comunque nevralgico da qui alla presentazione delle liste il 29 gennaio, per Pd e il centrodestra, si consuma oggi pomeriggio. Ieri sera Antonio Tajani, nel suo ufficio a Strasburgo, ha visionato gli ultimi sondaggi ed oggi alle 16 a Roma riunisce il tavolo con gli alleati di centrodestra. Risiko complicato per dividere anzitutto i collegi per tre fasce di importanza e poi ripartirli, per quote, tra i partiti del centrodestra. Con la massima attenzione ai sondaggi, sperando che, quelli azzurri abbiano una media nazionale vicina al 20 per cento e, quindi, fare la parte del leone al tavolo. Anche per evitare che al Nord sia la Lega a fare man bassa dei posti migliori. In totale, circa 350 posti (232 alla Camera, 118 al Senato) che dovrebbero andare allo schieramento alternativo a Renzi. Ma occorre vedere chi riuscirà a battere di più i pugni sul tavolo per prendersi il grosso dei posti migliori. Con Forza Italia decisa ad alzare il prezzo della media nazionale dei collegi per accaparrarsene la maggioranza. L'accordo poi verrà girato, stasera o al massimo domani, ai coordinatori regionali di Forza Italia, Lega ed Fdi (Domenico De Siano, Gianluca Cantalamessa e Antonio Iannone) per ratificare la spartizione dei collegi campani.


Galleria di Pozzano chiusa in orario notturno tra il 23 e il 25 gennaio 2018

Vico Equense - Per l’esecuzione dei programmati interventi di manutenzione sugli impianti tecnologici situati lungo la strada statale 145/Var, l’Anas comunica che si rende necessaria – in esclusivo orario notturno – la chiusura al traffico della statale, compreso il tunnel di ‘Santa Maria di Pozzano’, tra i territori comunali di Castellammare di Stabia e Vico Equense. Nel dettaglio, la limitazione sarà attiva tra le ore 22.00 e le ore 6.00 del giorno successivo nelle notti comprese tra il 23 ed il 25 gennaio 2018. Il traffico da/per Napoli verrà deviato lungo la strada statale 145 litoranea ‘Sorrentina’ e lungo viabilità comunale di Vico Equense.

I quattro faggi del Faito «monumento» d`Italia

Fonte: Fiorangela d'Amora da Il Mattino 

Vico Equense - Da secoli popolano i boschi del Faito, hanno resistito agli interventi dell'uomo e quest'estate agli incendi che minacciavano la montagna, oggi ottengono il riconoscimento di «Alberi Monumentali d'Italia». Sono i fantastici quattro, i quattro faggi del Faito. Sono quattro i faggi secolari che la Regione Campania ha iscritto nell'albo nazionale, dopo una lunga battaglia fatta dall'associazione Pro Faito Onlus. «Le prime richieste risalgono al 2011 - commenta Dario Russo della Pro Faito - salvo poi scoprire che in Regione mancava proprio la commissione che avrebbe dovuto analizzare le nostre richieste. Da un anno finalmente la carenza è stata colmata e ora i faggi del Faito ricevono il riconoscimento e l'attenzione che meritano». Il fascicolo è stato preparato da Elena De Marco, agronomo che ha eseguito i rilievi tecnici ed ha istruito tutta la documentazione. «Sarà ora cura nostra, di tutti gli ambientalisti, - prosegue Russo - del Comune di Vico Equense e dell'Ente Parco dei Monti Lattari proteggere e tutelare nel migliore dei modi questo grande patrimonio naturale». Perché il riconoscimento fosse possibile la commissione regionale ha valutato l'età, le dimensioni e le caratteristiche storiche dei fusti. Sul Faito i faggi custodivano i fossi delle neviere, dove un tempo, nel periodo invernale si ammassava la neve che poi diventava ghiaccio. La strada che congiunge Castellammare alla vetta, oggi inaccessibile, era utilizzata proprio per il commercio del ghiaccio che in sella ai muli veniva trasportato fino in città dove veniva venduto. Oggi questi faggi ricordano la storia antica di Faito, testimoniano la longevità di una montagna che tra mille difficoltà resta uno dei luoghi più affascinanti per turisti ed escursionisti.

Gaypride a Pompei. Il sindaco: non ne so nulla

Polemica nella città mariana. L'annuncio delle associazioni Lgbt: si terrà il 30 giugno

Associazioni, movimenti e collettivi Lgbt della regione Campania annunciano che l'assemblea del Coordinamento Campania Rainbow ha deciso di celebrare il gaypride regionale il 30 giugno a Pompei. Ma il sindaco della città mariana, Pietro Amitrano replica: «Mai autorizzata la manifestazione. Ho appreso della decisione del gaypride dal web e sono stato messo davanti al fatto compiuto». Il corteo sarà inserito all'interno dell'OndaPride nazionale. «Dopo Salerno, Benevento, Caserta, Bagnoli e i vari Pride napoletani, l'orgoglio Lgbt — spiega l'associazione Arcigay Napoli — sfilerà per la prima volta in Campania in una città, seppure altamente simbolica e di grande interesse internazionale, non capoluogo di provincia». La difesa della laicità delle Istituzioni democratiche, il matrimonio egualitario e la difesa delle istanze della comunità Lgbt dopo la legge Cirinnà, saranno i temi centrali che animeranno il documento politico programmatico di questo Pompei Pride 2018. Sabato 3 febbraio, alle ore 16, a Torre Annunziata, nella sede di Arcigay Vesuvio Rainbow, si terrà la prima assemblea pubblica regionale per definire il percorso verso il Pompei Pride. Un annuncio che ha irritato, più per la forma che per la sostanza, il sindaco Amitrano.

Ambiente. Sorrento, consegnata una videocamera subacquea alla Guardia di Finanza

Sorrento - Nel corso di una cerimonia svoltasi ieri presso il Palazzo Municipale di Sorrento, il sindaco Giuseppe Cuomo e il consigliere comunale, Luigi Di Prisco, hanno consegnato al luogotenente del nucleo sommozzatori della Guardia di Finanza di Napoli, Nicola Riccio, una videocamera subacquea. Le Fiamme Gialle sono da tempo impegnate nell’opera di controllo, tutela ambientale e bonifica sui fondali di Sorrento. Una iniziativa attiva ormai da oltre due anni, che ha visto il quasi totale recupero di alcuni tratti di fondali marini, tra cui le scogliere della spiaggia San Francesco e la Marina Grande. “Il monitoraggio continuo e l’attenzione rivolta ai nostri fondali è un percorso che abbiamo avviato da tempo e ora, grazie a questa sinergia sempre più solida che stiamo svolgendo con le forze dell’ordine, cercheremo di svolgere azioni contro eventuali scarichi abusivi e pesca illegale - dichiara il consigliere Di Prisco – Le attività legate alle bonifiche dei fondali, a cui interverranno i gruppi di volontari, Guardia di Finanza, Guardia Costiera e Area Marina Protetta, riprenderanno nella prossima primavera”.

Sorrento. Istituto San Paolo, cena di Gala No Waste Gala Dinner

Sorrento - Riprende oggi la terza edizione della manifestazione “No waste Gala Dinner”. L’evento, teso a promuovere sinergiche alleanze educative tra scuola e territorio e ad ancorare tenacemente l’offerta formativa alle cangianti prospettive del mercato del lavoro, vanta prestigiosi sponsor, quali Penisola Verde, Sorrento Fondazione, il Comune di Sorrento e, naturalmente, l’Istituto Polispecialistico “San Paolo”. Si tratta di una gara gastronomica che coinvolge chef e relative brigate di quattro strutture alberghiere o ristorative della penisola sorrentina che concorrono per realizzare e presentare dei menu gustosi e tipici producendo, al contempo, il minimo di scarti alimentari. Infatti l’iniziativa si inserisce tra le varie attività promosse nell’ambito della “Settimana Europea della Riduzione dei Rifiuti”. Nella preparazione di ogni serata di gala sono coinvolti, a pieno titolo, gli studenti dell’indirizzo alberghiero-enogastronomico che, in questo modo, hanno la possibilità di confrontarsi anche con apprezzati professionisti che operano nel territorio. L’indirizzo professionale alberghiero è oramai una realtà formativa ben consolidata del “San Paolo”, che opera in stretto rapporto con gli imprenditori e con le istituzioni locali. Sono infatti numerosissime le iniziative che annualmente vedono coinvolti i propri alunni, tra queste, la prossima settimana una delegazione sarà impegnata presso l’Istituto Italiano di Cultura di Cracovia (Polonia) per presentare una mostra sulla dieta mediterranea secondo la tradizione alimentare sorrentina. La prima serata di “No waste Gala Dinner”, prevista per stasera, vede il coinvolgimento dello staff di sala e cucina del Ristorante “Le Tre Arcate” di Piano di Sorrento. E’ previsto un menu a base di prodotti tipici locali e stagionali, tra cui si possono citare le scarole ricce, le alici e le papaccelle. L’evento è aperto alla cittadinanza; per chi volesse acquistare i biglietti è possibile rivolgersi alla prof.ssa Felici, presente a scuola tutti i giorni tranne il sabato. E’ opportuno ricordare che i fondi raccolti nelle quattro serate saranno impegnati per comprare nuove attrezzature professionali per i laboratori.

martedì 16 gennaio 2018

Vico Equense. Lotta al randagismo, microchippatura gratis in piazza Mercato

Sabato 27 gennaio 2018, dalle ore 9.30 alle 13.00, in piazza Mercato 

Vico Equense - Al via la campagna di microchippatura dei cani presenti sul territorio, su impulso della delegazione della penisola sorrentina dell'Ente Nazionale per la Protezione degli Animali (Enpa) con la collaborazione del Comune di Vico Equense e dell' Asl Na3Sud. Tutti i proprietari di cani potranno recarsi, sabato 27 gennaio 2018, dalle ore 9.30 alle 13.00, in piazza Mercato per fare l’inoculazione gratuita dei microchip ai propri amici a quattro zampe. Potranno usufruire del servizio i residenti nei comuni di competenza dell’Asl Na3Sud. Nella stessa giornata sarà possibile anche adottare un cucciolo o una bestiola adulta. “Chi adotterà – spiegano i responsabili dell’Enpa Penisola sorrentina sulla loro pagina facebook – avrà l’assistenza di un educatore cinofilo per un ciclo di lezioni gratuite. Inoltre sono previsti, per tutti quelli che usufruiranno della microchippatura, dei buoni sconto sulla fornitura di alimenti specifici.” I cittadini che vogliono far inserire gratuitamente il microchip al proprio cane devono essere muniti di documento di identità e codice fiscale. I cani dovranno essere portati al guinzaglio o altro idoneo mezzo di contenimento, si raccomanda di portare con sé gli strumenti per la raccolta delle deiezioni.

Strage di animali a Massa Lubrense il Wwf: «Trovate i colpevoli»

Fonte: Ciriaco M. Viggiano da Il Mattino 

Massa Lubrense - Sono almeno 15 i gatti uccisi da esche e bocconi avvelentati, negli ultimi giorni, a Marina del Cantone: a denunciarlo sono è Claudio d'Esposito, presidente del Wwf Terre del Tirreno, che ha già segnalato l'inquietante vicenda alle forze dell'ordine e al sindaco di Massa Lubrense. Nell'ultima settimana, i residenti di Marina del Cantone hanno notato la progressiva morte di quasi tutti i gatti che popolavano la località. In almeno 15 casi, gli esemplari sarebbero stati avvelenati: a suggerirlo sono modalità e numero dei decessi, sebbene gli abitanti del borgo massese non siano ancora riusciti a individuare tracce di sostanze tossiche. Altri felini, invece, risultano misteriosamente scomparsi: probabile che siano andati a morire lontano dalla zona abitata. Deceduto anche un cane, mentre un secondo è stato salvato dal tempestivo intervento del padrone che ha indotto il vomito nell'animale facendogli ingerire acqua e sale. Per il resto, diverse carcasse sono state rimosse dai residenti di Marina del Cantone per questioni di decoro e igiene; alcune di esse sono ancora visibili. Il Wwf ha già chiesto alle autorità competenti un intervento per accertare le cause di morte degli animali, tramite l'invio delle spoglie all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale (IZPS) competente. In più, gli ambientalisti hanno sottolineato la necessità di provvedere alla rimozione e allo smaltimento delle carcasse, oltre che di mettere in campo tutte le iniziative indispensabili per la bonifica dell’area interessata: «Occorre segnalare la circostanza con appositi cartelloni - spiega Claudio d'Esposito - e intensificare i controlli per individuare e punire i responsabili». Sulla vicenda i carabinieri hanno già avviato le prime verifiche.

Sanità, Beneduce: svolta possibile sole se si assicura rete assistenziale

Flora Beneduce
Regione Campania - "Sulla sanità si continua a brancolare nel buio e i cittadini si sentono sempre più soli in un sistema che non fa rete" - così Flora Beneduce, consigliere regionale e responsabile del Dipartimento sanità di Forza Italia. "La vera svolta si avrà solo se si crea una rete assistenziale di continuità territoriale in grado di assicurare le prestazioni sempre, senza la vergogna di uno stop nei giorni feriali e festivi". "Il territorio deve essere organizzato per dare delle risposte immediate ai cittadini, perché non è possibile rimandare solo e soltanto gli interventi ai Pronto soccorso". "Altre regioni si sono già organizzate per garantire alternative ai Pronto soccorso - aggiunge la consigliera - senza inventarsi nulla si può sperimentare il modello Lazio per quanto riguarda il servizio di pediatria nel poliambulatorio, assicurato dai pediatri di libera scelta in servizio nei fine settimana nei presidi territoriali". "Strutturare una rete assistenziale territoriale significa veramente dare risposte ai tanti bisogni di salute senza lasciare soli pazienti". "Quello che succede negli ospedali della Campania è inverosimile ma, è esattamente lo specchio di una comunità lasciata allo sbando". "Tutti i ragionamenti sulla riorganizzazione della rete ospedaliera sono senza fondamento se sul territorio non c'è nulla - conclude la Beneduce - una sanità che nei festivi e nei feriali ha come unico riferimento gli ospedali è una sanità da terzo mondo".

“Premio Biagio Agnes 2018”, siglata una partnership tra Rai, Confindustria e Fondazione Biagio Agnes

Simona Agnes
L’accordo prende il via nell’anno del decennale della manifestazione internazionale con l’obiettivo di trovare insieme storie di imprese e giornalisti che le raccontino

Tre Istituzioni insieme all’insegna di un’ulteriore crescita del Premio Internazionale del Giornalismo “Biagio Agnes”. A partire dall’edizione 2018, anno del decennale del Premio, Rai, Confindustria e Fondazione Biagio Agnes siglano una partnership volta a dare sempre maggior risalto al ruolo delle imprese italiane, attraverso la promozione e la divulgazione dei temi legati all’economia, alla finanza, ai mercati e all’impresa. “Sono felice di poter annunciare la partnership tra Rai, Confindustria e Fondazione Biagio Agnes - commenta Simona Agnes - che dà ulteriore slancio e prestigio a un Premio nato per valorizzare e premiare la professione giornalistica e che da anni vuole contribuire allo sviluppo del Paese. E lo fa dal punto di vista sociale e civile, attraverso il servizio pubblico, in virtù del rapporto consolidato con la Rai; dal punto di vista economico, contribuendo a esaltare il grandissimo valore delle imprese italiane, vero volano del Paese, esigenza che trova la sua massima espressione nella collaborazione con Confindustria”. “Un modo per ricordare un giornalista e un dirigente che ha fatto grande la Rai. Il Premio Agnes - secondo Monica Maggioni, Presidente Rai e Presidente Onorario del Premio - che arrivaalla sua decima edizione è un motivo di orgoglio per il Servizio pubblico”. La X edizione del “Premio Biagio Agnes” si terrà a Sorrento nei giorni 22, 23 e 24 giugno 2018. La Cerimonia di premiazione si terrà sabato 23 giugno, nel corso di una serata di galaripresa da Rai Uno.

MusicArte - Itinerari Musicali pubblica “1799 - Tempo, Amore e altre coincidenze”

Vico Equense - Il percorso di MusicArte - itinerari musicali, cofinanziata dall' E.P.T. Napoli, ha delineato un originale e suggestivo viaggio musicale, artistico e letterario, che ha reso Vico Equense cornice privilegiata per performance musicali di alta qualità. A corollario dei concerti sono stati presentati al pubblico alcuni racconti inediti, ambientati nel 1799, anno di grandi fermenti nel Regno di Napoli, che anche in questa splendida cittadina hanno lasciato la loro traccia indelebile. Il percorso letterario, denominato "Tempo, Amore e altre coincidenze" ha unito la storia e le leggende locali alla suggestione che un esercizio letterario puro è in grado di creare, sviluppando un percorso immaginifico e surreale. “La realtà storica e il potere creativo della parola si fondono in un mood narrativo originale e innovativo. - dichiara l’autrice Rosa Gargiulo, e continua - “È stato bello raccontare in maniera non convenzionale il territorio di Vico Equense, scenario sospeso tra mare e cielo, tra passato e futuro! “ - Un' operazione culturale unica nel suo genere che unisce l’intrattenimento all’approfondimento - aggiunge il direttore artistico Enrico Ercolano. Il libro "1799 - Tempo, Amore e altre coincidenze", curato da MusicArte in collaborazione con Contrappunto House Of Books, sarà presentato al pubblico il prossimo 27 gennaio, alle ore 18.30, alla libreria Ubik: interverrano la professoressa Angela Barba, l'architetto Lucia Manzi, l'autrice dei racconti Rosa Gargiulo, il Direttore Artistico di MusicArte - Enrico Ercolano. Modera l'incontro Giovanna Starace, Direttrice della Ubik di Vico Equense.

Faito, una montagna dal patrimonio arboreo inestimabile: 4 faggi diventano alberi monumentali

Uno dei 4 faggi
Vico Equense - E’ stata accolta presso la Regione Campania la proposta di "attribuzione di monumentalità" a quattro faggi secolari del monte Faito. Soddisfatto della notizia Dario Russo, presidente dell’Associazione Pro Faito Onlus, che ha avanzato la proposta, fatta propria dal Comune di Vico Equense. Dotati di eccezionali caratteristiche biologiche questi alberi sono tra i più longevi d’Italia, con una smisurata valenza culturale. Testimoni viventi della ormai estinta industria della neve. Queste piante, di circa 400anni, infatti, bordavano le neviere, le fosse dove, un tempo, nel periodo invernale si ammassava la neve, che erano foderate da uno strato coibentato costituito da fogliame secco proveniente sempre dagli alberi di faggio. Uno stratagemma ideato, per proteggere la neve dal calore del suolo e dai venti di scirocco per assicurarne la consistenza fino al giungere del periodo estivo, quando dopo essere stata cavata, la neve era trasformata in blocchi di ghiaccio per essere trasportata e venduta in tutta la penisola sorrentina e nei paesi del vesuviano. Agli alberi monumentali è riconosciuto non solo un valore botanico, ma una rilevanza culturale, infatti, un albero monumentale non è solo un “grande albero di bell’aspetto”, ma lo si può considerare quasi un “sopravvissuto”, la testimonianza di un paesaggio, di un ecosistema, di un uso del suolo e di una precisa fase della vita degli uomini che attraverso le generazioni l’hanno piantato, accudito e ne hanno beneficiato. La catalogazione è mirata all’istituzione di un albo delle piante monumentali per garantirne la conservazione e la valorizzazione in base a precisi caratteri di rilevanza storica, ambientale e culturale ed a preservare gli alberi da abbattimenti e potature arbitrari e da eventuali danni procurati da terzi. La proposta del Comune di Vico Equense ha interessato inoltre anche il famoso Eucaliptus Globosus di Matignano (età presunta 150 anni) e il Tiglio di Massaquano (circa 300 anni).

Vico Equense, il 30 gennaio l’insediamento della Commissione Pari Opportunità

Vico Equense - La prima riunione della “Commissione Pari Opportunità (C.P.O.)” di Vico Equense si terrà il 30 gennaio 2018, alle ore 18, nella sala consiliare. Indetta dal Sindaco Andrea Buonocore, ha come ordine del giorno l’insediamento della commissione, l’elezione del presidente, del vice presidente e del segretario, oltre a varie ed eventuali. La C.P.O. che non è più solo a favore della società femminile, si apre alle persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender (LGBT) per contrastare ogni forma di discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere. Fanno parte della C.P.O., nominata dal consiglio comunale, Laura Morelli, Lara Cirillo, Mariapaola Avellino, Susanna Amato, Antonello Sannino, Emilia Terracciano, Francesca Esposito, Ciro Giovanni Nocerino, Umberto D’Amora, Luisa Cinque e Francesco Oliva. Componenti di diritto sono l'assessore alle politiche sociali Franco Lombardi, più quattro mèmbri indicati dal consiglio comunale; Carolina Apuzzo e Marilisa Di Guida per la maggioranza, Maurizio Cinque e Ferdinando Astarita per la minoranza.

Santa Maria la Carità. Sequestrati 20kg di datteri nascosti in un deposito. Denunciato pregiudicato 45enne

Continua senza sosta l’incessante attività di contrasto che la Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia del Comandante Guglielmo Cassone

Continua senza sosta l’incessante attività di contrasto che la Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia del Comandante Guglielmo Cassone, da quasi due mesi ed in maniera quotidiana, sta svolgendo contro la pesca illegale del dattero di mare; un fenomeno che purtroppo non accenna a diminuire proprio per le continue richieste da parte di privati o di ristoratori di pregio che li offrono ai loro clienti, al di fuori dei tradizionali menu, in quanto divenuto negli ultimi anni simbolo di potere, economico e/o criminale ed in mano a delinquenti legati ai vari gruppi della criminalità organizzata. A conferma di ciò, proprio nella serata di ieri, è andato in onda un servizio del noto TG satirico “Striscia la Notizia”, in cui l’inviato stava effettuando un servizio su una nota pescheria della zona di Secondigliano nella quale avveniva la vendita illegale dei datteri di mare, di cui è vietata la pesca del prelibato frutto di mare. Mentre avveniva la discussione a telecamere accese però il giornalista veniva interrotto da alcune persone che prima lo invitavano ad andare via e successivamente lo minacciavano, insultavano e spingevano. Per uno strano scherzo del destino, mentre andava in onda il servizio dell’inviato Luca Abete, i militari del Comandante Cassone rinvenivano, nel comune di Santa Maria La Carità, un ennesimo deposito di datteri di mare, in cui erano adeguatamente occultati 20 KG. del pregiato mollusco, che veniva immediatamente sequestrato e distrutto, con il deferimento del pregiudicato A.C. di 45 anni all’Autorità Giudiziaria oplontina per una serie di reati tra cui spicca la ricettazione, il danneggiamento ed il disastro ambientale.
 

Vico Equense - Open Day Istituto Comprensivo Costiero


Josè Restaurant, a Torre del Greco tre grandi chef celebrano la città del corallo


Una serata per celebrare l’amicizia, i buoni sapori e il territorio. Nasce da questa premessa la serata esclusiva in programma il 18 gennaio a Torre del Greco al Josè Restaurant di via Nazionale. Ai fornelli tre amici, tre professionisti, tre uomini dal grande carisma: Carmine Di Donna del ristorante La Torre del Saracino di Vico Equense, Vincenzo Guarino del ristorante Il Pievano di Gaiole in Chianti, e Domenico Iavarone, chef del Josè Restaurant di Torre del Greco. “Con l’evento apriremo le danze ad una serie di appuntamenti che abbiamo in programma al José Restaurant per i prossimi tre mesi – spiega lo chef Domenico Iavarone – eventi finalizzati a promuovere la città del corallo, le bontà italiane, le tipicità locali e le bellezze del Vesuvio, da mare a terra. E abbiamo ritenuto giusto con José Guidone e la famiglia Confuorto di partire celebrando Torre del Greco con due colleghi ed amici, due stelle del mondo del gusto originari di questo territorio: Vincenzo Guarino e Carmine Di Donna”. La serata del 18 gennaio si aprirà dunque alle ore 20.30 con un aperitivo di benvenuto con bon bon farcito con ricotta di bufala e pomodoro candito su salsa di basilico e maionese di pomodoro giallo del Vesuvio, pane burro e alici e tartelletta al parmigiano latte cotto, marmellata di pomodoro del piennolo e mandorle. Si continuerà con l’antipasto dello chef Guarino baccalà e ceci, seguirà il risotto a cura di Iavarone al mandarino astice e paprika dolce. Ed ecco il turno del pirmo piatto con una ricetta di Guarino: Bottone di patate con cuore liquido di mozzarella di bufala con salsa bouillabaisse e gambero rosso. Secondo piatto a cura di Iavarone sarà la pancia di maiale con lenticchie, fave di cacao e mela annurca. Il dessert completamente a cura di Carmine Di Donna: Cachi, castagne e nocciole con coccole finali. (Fonte: Il Denaro)

A Villa Fiorentino in mostra le opere dei Pittori di Sorrento

Sorrento - A partire da giovedì 18 gennaio e fino al prossimo 4 febbraio, le sale di Villa Fiorentino ospitano la mostra collettiva di artisti locali aderenti all’Associazione culturale “Pittori di Sorrento”, manifestazione giunta quest’anno alla seconda edizione. Saranno esposte opere di Gino Aiello, Maria Cappuro, M. Rosella Cetani, Paola Cetani, Francesco Cuccaro, Raffaele Iaccarino, Teresa Iaccarino, Stine Ingenito, Sergio Sammarco, Fatima Soria ed Antonio Spasiano. La mostra è realizzata grazie alla collaborazione della Fondazione Sorrento che ha messo a disposizione i locali di Villa Fiorentino. L’ingresso è libero e l’esposizione può essere visitata tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Festa dei Santi protettori Ciro e Giovanni

Vico Equense - Il 31 gennaio, com’è ormai consuetudine secolare, si celebra la festa dei Santi protettori Ciro e Giovanni, le cui statue sono trasportate dai pescatori locali per le vie principali della Città a piedi nudi. La processione parte dalla Chiesa intitolata ai Patroni, riedificata nel 1715, e percorre un lungo itinerario: l’asse di via Nicotera fino ad arrivare a Santa Maria del Toro, da qui percorso inverso fino a giungere in via Roma per poi arrivare in piazza Umberto I e ritornare in Chiesa. Il culto dei due martiri è molto sentito nella città equana, dove in occasione dei festeggiamenti si distribuisce l’olio di San Ciro con cui ungere gli ammalati, a ricordo ed in fede delle attività taumaturgiche del Santo che già in vita era celebrato per la sua azione umanitaria, legata alla professione medica, in favore dei più umili e derelitti. Il culto dei Santi Ciro e Giovanni è antichissimo, a Vico Equense i due martiri sono sempre celebrati insieme, anche se, forse in virtù delle doti di guaritore attribuite a San Ciro, quest’ultimo è più popolare di San Giovanni. Sino al 1400 non abbiamo notizie sulla diffusione del nome di San Ciro o sul culto del Santo a Vico Equense, segno che non si era ancora imposto fortemente e radicalmente nel tessuto cittadino. Nel 1486 il notaio vicano Regnabile Palescandolo indicava una piccola cappella, patronato di alcune famiglie vicane, dedicata ai SS. Ciro e Giovanni e situata al di fuori delle mura cittadine; il Vescovo Tolomeo Pentangelo agli inizi del 1500 li definiva “patroni e protettori della Città di Vico Equense”. Fino al 1600 non si conservavano a Vico Equense reliquie dei due Santi, le quali, certamente per volere del Padre Gesuita San Francesco da Geronimo, furono donate alla nostra città il 5 maggio 1686 al tempo del Vescovo Giovan Battista Repucci. Le reliquie autentiche dei due Santi sono ora collocate parte in un cassettino con vetro sotto la statua d’argento di San Ciro, una pregevole opera di autore ignoto del XVII secolo, parte in un reliquario d’argento: entrambe sono mostrate alla venerazione dei fedeli il 31 gennaio di ogni anno e portate in processione per le principali vie della Città, che da oltre quattro secoli le venera.

Bassolino, l`alieno della nuova politica

Antonio Bassolino a Vico Equense
Fonte: Francesco Durante da Il Mattino 

Si candida, non si candida? Ovvero (forse più precisamente): sarà candidato, non lo sarà? Certo c'è ancora tempo, ma la vicenda del futuro elettorale di Antonio Bassolino - la sua eventuale rinascita, ovvero la decisione di abbandonare definitivamente la scena politica, per ritagliarsi eventualmente un ruolo più appartato - costituisce uno dei più grossi interrogativi e, insieme, uno dei "casi" più significativi e illuminanti della stagione che stiamo vivendo. Davanti a Bassolino ci sono diversi passaggi inevitabili. I posti a disposizione non sono certo numerosissimi, e una sua candidatura nelle file di Liberi e Uguali deve necessariamente uniformarsi alle delicate esigenze di dosaggio delle componenti interne: innanzitutto quelle degli ex Pd (inclusi quelli che erano stati candidati la volta scorsa), poi gli ex Si, e poi le nuove presenze più direttamente ascrivibili al presidente del Senato e capolista Pietro Grasso, nonché, infine, la possibile sponda arancione, che al momento è la più avversa all'ex governatore. Bassolino, ufficialmente, non si è ancora fatto avanti, ed è probabile che sia in attesa di un segnale o di una chiamata: magari da Bersani, visto che, dato il suo strettissimo rapporto con Paolucci e, anche per questo tramite, con D'Alema, non è pensabile che da parte dell'ex presidente del consiglio pesino veti su una sua candidatura. Questa benedetta chiamata potrebbe togliere di mezzo i dubbi e i mal di pancia di chi, dentro LeU o negli immediati dintorni, considera "divisivo" il suo nome e ritiene dunque che si debba rinunciare alla sua capacità di attrarre voti, per notevole che possa ancora essere.
 

Accoltellò rivale in amore condannato a cinque anni

Vico Equense - All’improvviso perse la testa e al termine di una furibonda discussione, assalì il rivale in amore prendendolo a coltellate: un gesto che ora, a distanza di quasi cinque anni, costa ad Angelo Maresca una condanna definitiva a sette anni e sei mesi di carcere. La Cassazione ha respinto il ricorso proposto dal 38enne di Vico Equense contro la sentenza con cui la Corte d’Appello di Napoli l’aveva riconosciuto colpevole di tentato omicidio e porto abusivo di armi. La vicenda risale al 25 ottobre del 2013, quando Maresca si presentò a Napoli, in via Giotto. Qui si trova il negozio di parrucchiere dove per qualche tempo ha lavorato la sua fidanzata Marcella. Il titolare dell’attività è Francesco D’Ario, ex compagno della ragazza. Maresca sospetta che D’Ario continui ad avere contatti con Marcella nonostante quest’ultima non lavori più per lui. E così decide di affrontarlo a viso aperto. La discussione avviene in strada e in breve tempo, degenera. Maresca estrae il coltello e colpisce D’Ario al torace, alla spalla sinistra e all’addome, prima di darsi alla fuga. Il parrucchiere si accascia in una pozza di sangue e viene soccorso da un autista dell’Anm che si trovava a passare da quelle parti proprio in quel frangente. passante. I carabinieri si mettono sulle tracce dell’aggressore. Lo trovano con i vestiti intrisi di sangue a casa della fidanzata che abita a pochi passi dal negozio di D’Ario. Scatta l’arresto, Maresca finisce a Poggioreale, successivamente si apre il processo. La svolta a novembre 2016, quando l’uomo viene condannato dalla Corte d’appello: una pronuncia poi confermata dalla quinta sezione penale della Corte di Cassazione. (Fonte: c.m.v. da il Mattino)

Il Maestro Pasticcere Paolo Sacchetti sceglie le mele di Castelnuovo di Val di Cecina per la sua Tentazione di Eva

Paolo Sacchetti
Ha le fattezze di una mela dorata e, non a caso, è stata battezzata Tentazione di Eva. Si tratta di un dolce a semisfera, adagiato su una pasta frolla realizzata con parte di farina integrale, parte 00, e indovinate un po’? Con la farina ottenuta dalla buccia della mela, essiccata e tritata fino a renderla impalpabile. Perché Paolo Sacchetti, associato storico dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, che di Tentazione di Eva è l’autore, è cresciuto in una famiglia contadina, nella quale ogni frutto della terra era apprezzato ed esaltato in tutte le sue potenzialità. Così, nel creare il nuovo dolce con le mele (chiamate “tedesche”) coltivate nei meleti di Castelnuovo di Val di Cecina e delle sue tre frazioni, in provincia di Pisa, il maestro pasticcere non ci ha pensato due volte, racconta sorridendo nel suo laboratorio del Caffè –Pasticceria Nuovo Mondo, nel centro di Prato: “Da subito ho deciso che avrei utilizzato l’intero frutto, compresa la buccia.” Al suo interno questa dolce tentazione ha elementi fluidi e croccati: caramello, bavarese alla vaniglia e mela a pezzetti. Un alternarsi di consistenze, un compensarsi tra l’acidità della mela e la dolcezza e la cremosità della panna. Una vera e propria tentazione, non solo per Eva, ma per tutti.

lunedì 15 gennaio 2018

Raccolta differenziata sul Faito, il Sindaco Buonocore: “Non posso permettere che il nostro territorio diventi una discarica”

Vico Equense - Domani mattina gli automezzi della Sarim, scortati dalla polizia municipale di Vico Equense saliranno sul monte Faito per svolgere il servizo di raccolta dei rifiuti. L'Amministrazione Comunale è intervenuta, ancora una volta, in aiuto della comunità residente, concordando questo provvedimento eccezionale con il comandante della polizia municipale Ferdinando De Martino e i vertici dell’azienda che si occupa della raccolta differenziata sul territorio cittadino. La Città Metropolitana dopo le frane dello scorso novembre ha disposto la chiusura dell’ex statale 269, per motivi di sicurezza. In questi mesi d’interruzione però a essere danneggiati sono stati i cittadini che risiedono sulla vetta della montagna, che si sono trovati di colpo isolati. L’interdizione della carreggiata blocca pure i mezzi della società incaricata di raccogliere i rifiuti, che non possono recarsi sulla montagna e svolgere regolarmente il proprio servizio. Il Sindaco Andrea Buonocore, dopo le segnalazioni di alcuni residenti che lamentavano la mancata raccolta dell’immondizia da alcuni giorni, ha altresì inviato una lettera alla Città Metropolitana, nella quale chiede una deroga al divieto di transito per gli automezzi della Sarim. “Non posso permettere – spiega Buonocore - che il nostro territorio diventi una discarica. Mi aspetto una risposta in tempi brevi.” Per i disagi subiti, l’Amministrazione comunale di Vico Equense ha proposto che dal 6 novembre - giorno della frana - e fino a quando la strada non sarà riaperta nuovamente, i cittadini residenti pagheranno solamente il 20% della tassa sui rifiuti.

Pd. Costa il documento: Tito e Staiano autocandidati…i Dem decidono di non decidere!

Giuseppe Tito
Penisola sorrentina – Poco prima delle 18 Massimo Costa, segretario provinciale del PD napoletano, ha ricevuto il documento redatto e sottoscritto dai sei Segretari dei Circoli PD della Penisola Sorrentina col quale vengono indicati quali candidati del comprensorio (da Vico Equense a Massa Lubrense) per le elezioni politiche Giuseppe Tito, sindaco di Meta e Consigliere Metropolitano, e Giovanna Staiano vice sindaco di Massa Lubrense.Il Segretario Provinciale ha acquisito la nota includendo nel lungo elenco degli aspiranti candidati i due esponenti PD peninsulari che hanno manifestato la propria disponibilità a candidarsi. In effetti la nota dei Segretari parla di una consultazione svolta tra iscritti, simpatizzanti e amministratori che hanno preso atto di tale disponibilità e ne hanno dato comunicazione a Costa. Una formula che tutto è fuorchè un’investitura, utile piuttosto a salvare capre e cavoli. Nel senso che la politica ha preferito non esprimersi…Piuttosto ha preso atto. Ora le decisioni saranno assunte dai vertici provinciali e regionali del PD che sceglieranno su chi puntare. Questo è stato l’epilogo dell’ultimo week-end politico in casa PD della Penisola Sorrentina che probabilmente ha bisogno ancora di tempo per raccordarsi e sviluppare una politica comprensoriale. (Fonte: Red. PinP da Politica in Penisola)

Ragazzi picchiati a Sorrento, il sindaco Cuomo: “Vigliacca aggressione”

Sorrento - “Quello che è accaduto l’altra notte a Sorrento, - scrive il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo sulla sua pagina Facebook - ai danni di due giovani di Positano, è un atto increscioso che coinvolge tutta la nostra comunità. Come amministratori non ci sottrarremo, per quanto in nostro potere, nella ricerca dei responsabili. Chiediamo pertanto a chi abbia informazioni su questa vigliacca aggressione, di fornire alle forze dell’ordine ogni elemento utile. Nei prossimi giorni convocheremo i titolari del locale all’esterno del quale si è svolto l’episodio, e seguiremo da vicino il prosieguo delle indagini. L’auspicio è che le giovani vittime si rimettano in breve tempo, e che possano collaborare affinché gli autori del gesto possano essere identificati.”

Faito, organico non ritirato da venerdì

Vico Equense - L’organico da giorni non viene ritirato e molte sono state le lamentele dei cittadini che abitano sul monte Faito. Alcuni residenti hanno postato foto su Facebook, segnalando che l’immondizia non è stata ancora ritirata da venerdì passato. La Città Metropolitana dopo le frane dello scorso novembre ha disposto la chiusura dell’ex statale 269, per motivi di sicurezza. In questi mesi d’interruzione però a essere danneggiati sono stati i cittadini che risiedono sulla vetta della montagna, che si sono trovati di colpo isolati. L’interdizione della carreggiata blocca pure i mezzi della Sarim, la società preposta alla raccolta differenziata dei rifiuti, che non possono recarsi sulla montagna e svolgere regolarmente il proprio servizio. Una situazione drammatica che incide negativamente sulla frequentazione scolastica, sul lavoro e sugli spostamenti. La Regione Campania e la Città metropolitana di Napoli sono comproprietarie dell'area di Monte Faito e detengono la titolarità della gestione di via Nuova Faito, ma sembrano più preoccupate a scaricare le proprie responsabilità, che a garantire l'incolumità ai loro cittadini. Per i disagi subiti, l’Amministrazione comunale di Vico Equense è intervenuta, ancora una volta, in aiuto della comunità residente, proponendo che dal 6 novembre - giorno della frana - e fino a quando la strada non sarà riaperta nuovamente, il pagamento solamente del 20% della tassa sui rifiuti.

Stabiaequa 2018 - VIDEO

Il comune apre ai giovani laureati

Bando per tirocini a 400 euro mensili 

Fonte: Metropolis 

Vico Equense - Il comune di Vico Equense torna ad arruolare giovani laureati. Spunta l'opportunità di un contratto di 6 mesi - a titolo di tirocinio - presso gli uffici finanziari e pubblica istruzione dell'ente guidato dal sindaco Andrea Buonocore. Per “ingaggiare” i ragazzi, il comune ha pubblicato un bando. Le domande potranno essere presentate entro e non oltre il prossimo 25 gennaio. I giovani dovranno aver conseguito la laurea da non oltre 36 mesi e verranno affiancati ai dipendenti comunali durante il loro tirocinio formativo. Richieste laurea nelle discipline economiche (o titolo equipollente quinquennale o triennale), umanistiche, diritto, scienze dell'amministrazione, letteratura o materie prettamente tecnico-scientifiche quali ingegneria, architettura o medicina. I rapporti tra il comune di Vico Equense e i ragazzi saranno regolati con apposita convenzione “ad avvenuta approvazione delle risultanze della selezione”. I ragazzi saranno impiegati negli uffici dell'ente Municipale per sei mesi e a ciascun tirocinante sarà corrisposto un compenso forfettario, entro i limiti stabiliti dalla normativa vigente, a titolo di rimborso. Più o meno si tratta di 400 euro al mese per sei mesi.
 

Arturo, Gaetano e quei ragazzi di Napoli da salvare

Fonte: Paolo Siani da Il Mattino

L’aggressione subita a via Foria dal giovane Arturo poco di un mese fa (unitamente a quella, recentissima, ai danni di Gaetano a Chiaiano), ci impone delle riflessioni operative sul futuro dei nostri giovani. Quindi, sul futuro della città di Napoli e dell'intero territorio campano. Partiamo da un dato incontrovertibile: condividiamo pienamente le parole espresse dalla mamma di Arturo e la sua grande compostezza. Ciò che è successo a via Foria (come ciò che è accaduto a Chiaiano) è una ferita che riguarda tutti, nessuno escluso. Siamo stati al fianco dei compagni di scuola del ragazzo e di coloro che hanno promosso, nell'immediatezza dell'inqualificabile agguato, una manifestazione di solidarietà. Perché era giusto esserci e fare squadra contro la violenza. E anche perché la manifestazione organizzata da una preside e attraverso i social ha dimostrato che Napoli c'è su questi temi e si ribella. Era inimmaginabile solo dieci anni fa organizzare una manifestazione del genere. Questo è un segnale molto positivo, che non può non essere considerato e valorizzato. Mai cortei, pur avendo un ruolo significativo per sensibilizzare le istituzioni, l’ opinione pubblica e la cittadinanza tutta sui problemi che affliggono Napoli, da soli non bastano. Ne si può stare lì a ragionare se è tutta colpa dell'emulazione e di Gomorra. Questo vuoi dire solo spostare il problema e non volerlo affrontare. Qualcuno salvi i bambini di Napoli! Tocca a noi farlo! E allora cominciamo a ragionare sul come. Ci vogliono programmi e investimenti. Bisogna chiamare le migliori menti, bisogna realizzare opere di bellezza nei quartieri a rischio.
 

domenica 14 gennaio 2018

Le mani sulla città: Le nostre mani sono pulite!

Carlo Fermariello
Vico Equense - Domani ricorre l'anniversario della morte di Carlo Fermariello (15 gennaio 1997), uno dei protagonisti della sinistra democratica nel mezzogiorno. Sindacalista, dirigente politico, uomo delle Istituzioni ha contribuito al progresso civile ed economico delle comunità e ad affermare l’idea di un meridionalismo fatto di lotte incisive e di proposte concrete. La sua esperienza politica e istituzionale si è conclusa da Sindaco di Vico Equense, eletto con uno straordinario successo popolare nella primavera del '96, e prematuramente strappato da un male crudele, alla scommessa di poter realizzare ,nella concreta azione amministrativa, il meglio della sua ricchissima esperienza politica. Lo ricordiamo con questo video tratto dal film di Francesco Rosi “Le mani sulla città”, che rimane una pagina scolpita nella storia del cinema per comprendere la storia di Napoli e le battaglie contro la speculazione e l’affarismo nel dopoguerra.

Castellammare - Vico Equense. Questa mattina la Stabiaequa

Successi di Marek Hadam e Alessandra Ambrosio 

Vico Equense/Castellammare di Stabia - Marek Hadam e Alessandra Ambrosio hanno vinto la sesta edizione di Stabiaequa, la gara podistica di 10 miglia (16 km) che si è svolta stamani con partenza e arrivo dalle Antiche Terme di Stabia. Alla manifestazione hanno partecipato 830 atleti, a conferma del fatto che Stabiaequa rappresenti ormai un appuntamento fisso per gli appassionati, che hanno affrontato un percorso di particolare fascino, con un lungo tratto lungo la litoranea costiera da Castellammare a Vico. Marek Hadam (Associazione Podistica Il Laghetto) è stato il più veloce tra gli uomini, percorrendo i 16 km in 54’14”. Alle secondo posto si è classificato Massimiliano Fiorillo (Ass. Costa Amalfi) in 54’30”, al terzo Karim Sare (Marathon Club Stabiae) in 54’44”. “Era la mia prima volta a Stabiaequa – dice Hadam - il percorso è stato impegnativo, gli avversari forti, però comunque l'ho spuntata. Ora spero di fare bene alla mezza maratona di Napoli”. Tra le donne, bella gara di Alessandra Ambrosio (Atletica Amatori Napoli), che ha chiuso in 1.06’22”, seguita da Patrizia Picardi (Il Laghetto) in 1.06’42” e Daniela De Marco (Marathon Club Stabiae) in 1.07’35”. “È stata una gara stupenda. Mi sentivo in forma, l'ho vissuta con serenità”, spiega la Ambrosio. “Devo dire che è stata faticosa, ma l'essermi allenata su questo percorso forse mi ha dato la marcia in più”. L’organizzatore Andrea Fontanella, presidente Sport Eventi Run, traccia un bilancio positivo della manifestazione: “Quest’edizione ci lascia molto soddisfatti, questo è un appuntamento che sta crescendo anno dopo anno. Adesso lavoriamo per la Maremonti half marathon del 25 febbraio da Sorrento e Castellammare”.
 

Raddoppio Circum, esplode il caso San Marco

L'interrogazione di un consigliere apre la polemica: «Il sottopasso stravolgerà l'assetto del popoloso rione» 

Fonte: Fiorangela d'Amora da Il Mattino 

Castellammare di Stabia - Il treno correrà spedito fino al centro della città, le auto invece dovranno attraversare il sottopassaggio. È questa l'idea alla base del raddoppio dei binari della Circumvesuviana della linea Napoli-Sorrento. Un progetto ambizioso da 37 milioni di euro per il quale parte delle opere sono già in corso, mentre per quelle ancora da realizzare è scoppiata la polemica. La nuova stazione di Castellammare che sostituirà l'attuale Via Nocera, è incorso di realizzazione. Il cantiere fu inaugurato dal presidente della Regione Vincenzo De Luca il 27 giugno 2017 e l'opera sarà terminata a febbraio 2019. Il passo successivo sarà portare il doppio binario fino a Castellammare centro dove anche lì sarà realizzata una stazione nuova, parcheggi e un collegamento diretto con le Ville romane dell'antica Stabiae. Sulla carta il progetto Eav-Regione, sarà una grande rivoluzione, ma l'impatto con la città preoccupa politici e cittadini. Realizzare un sottopasso solo carrabile per eliminare il passaggio a livello presente in via Cosenza non sarà cosa da poco e taglierà in due il centro città con il quartiere del San Marco.
 

Cristiano Militello a Gragnano

Cristiano Militello e Aniello Guidone
Gragnano - Cristiano Mitello ospite de “La locanda della pasta”. Il celebre inviato di Striscia la notizia (famoso per la sua rubrica sugli striscioni calcistici più divertenti degli stadi italiani) è a Gragnano. Militello (originario di Pisa e residente a Milano) si è intrattenuto con Aniello Guidone, gestore del ristorante, dispensato battute e si è prestato per qualche fotografia.

«Resto al Sud» via alle domande per i fondi

Età massima 36 anni, bonus di 50mila euro di cui 35mila da restituire. Lavoro per 100mila 

Fonte: Nando Santonastaso da Il Mattino

Il conto alla rovescia ormai è terminato. Dalle 12 di domani, lunedì 15, le domande per «Resto al Sud», il nuovo incentivo promosso dal ministro per la Coesione territoriale e per il Mezzogiorno Claudio de Vincenti e gestito da Invitalia, potranno essere presentate sul sito dell'agenzia (www.invitalia.it). Non è un bando, quindi non c'è bisogno di affrettarsi; niente click day, insomma, dal momento che tutte le domande saranno esaminate in ordine cronologico. La dotazione finanziaria complessiva è di 1.250 milioni di euro, una cifra record per interventi di incentivo alla neoimprenditorialità e oltre tutto destinati esclusivamente al Sud. La misura, prevista dal decreto Mezzogiorno, varato dal governo e diventato legge nella scorsa estate, si rivolge a giovani tra 18 e 36 anni che non abbiamo un lavoro a tempo indeterminato o utilizzino altri incentivi e sostiene le attività di produzione di beni e servizi. Sono esclusi dal finanziamento le attività libero professionali e il commercio. Ammesse le spese per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili, per l'acquisto di impianti, macchinari, attrezzature e programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all' avvio dell'attività. Non sono previste invece coperture di spesa per intermediari (commercialisti, tecnici, progettisti eccetera): eventuali consulenze saranno a titolo gratuito e sempre gratis potranno dare una mano gli enti indicati da Invitalia.